Vie Francigene nel Sud: imminente l'approvazione come itinerario europeo

Pubblicato il: 19/03/2015
Autore: Redazione GreenCity

L'assemblea dell'Associazione Europea delle Vie Francigene approva la proposta di prolungare l'itinerario verso i porti della Puglia e Gerusalemme, e il conseguente riconoscimento da parte del Consiglio d'Europa.

Giovedì 19 marzo 2015, alle ore 14:30 a Roma in Campidoglio presso il Palazzo Senatorio Assemblea generale dell'Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) di portata storica: in votazione da parte degli oltre cento soci, Regioni ed Enti locali che da vent'anni sostengono il grande itinerario culturale che da Canterbury giunge a Roma, la proposta di proseguire verso Sud, verso la Puglia, il Mediterraneo e Gerusalemme. AEVF, in veste di "rete portante" della Via Francigena per incarico ufficiale del Consiglio d'Europa, si è adoperata in questa direzione e, attraverso l'istituzione del coordinamento delle Regioni del Mezzogiorno, con l'autorevole supporto di Società Geografica Italiana, è giunta alla formulazione del Dossier di candidatura.
E' così che, a tre anni dall'adesione di Regione Puglia e Regione Lazio, cui sono seguite quelle delle altre Regioni, approda in Assemblea un percorso condiviso e unitario: "Un passo indispensabile del cammino di riconoscimento che ora conduce a Lussemburgo, all'Istituto Europeo degli Itinerari Culturali e al Consiglio di Direzione dell'Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari culturali del Consiglio d'Europa. 
Il via libera alla Via Francigena nel Sud costituirà il presupposto di un progetto integrato di cultura e turismo in grado di rispondere alla tendenza corrente orientata all'incontro, alla conoscenza, all'esperienza. Ciò è ancor più vero nel momento in cui la Chiesa cattolica indice il Giubileo la cui filosofia è in perfetta sintonia con quella della Francigena poiché Francigena è anche percorso di dialogo interculturale ed interreligioso collegante grandi centri mondiali di spiritualità: Canterbury, Santiago di Compostela, Roma, Istanbul, Gerusalemme. " spiega il presidente Massimo Tedeschi.

Categorie: Mobilità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: