Consegnate le prime 10 Hyundai ix35 a idrogeno in Italia

Pubblicato il: 03/09/2014
Autore: Redazione GreenCity

Le vetture sono state consegnate da Hyundai nell’occasione dell’inaugurazione del Centro H2 Sudtirolo a giugno all’interno del progetto “HyFIVE” (Hydrogen For Innovative Vehicles), il progetto intrapreso per la diffusione del trasporto a idrogeno.

L’Istituto per Innovazioni Tecnologiche di Bolzano (IIT) - tra i principali centri di ricerca sull’idrogeno in Europa - ha dato il via venerdì 29 agosto alle consegne di Hyundai ix35 Fuel Cell ai primi clienti business del Sud Tirolo con formule di leasing e noleggio.
Hyundai ha infatti consegnato 10 esemplari di SUV a idrogeno il 6 giugno scorso, in occasione dell’inaugurazione del Centro H2-Sudtirolo per la produzione di idrogeno da energie rinnovabili - all’interno del progetto “HyFIVE” (Hydrogen For Innovative Vehicles), il più importante e ambizioso progetto europeo mai intrapreso per la diffusione del trasporto a idrogeno.
Grazie alla nuova stazione di rifornimento aperta a Bolzano dall’istituto IIT in collaborazione con Autostrada del Brennero e altri partner, i 10 SUV Hyundai a emissioni zero sono oggi a disposizione delle aziende locali.

hyundai-ix35-fuel-cell--1-.jpg
Equipaggiata con una struttura di celle a combustibile in grado di fornire una potenza equiparabile ad un propulsore da 100 kW (136 CV) e due serbatoi di stoccaggio dell’idrogeno con una capacità complessiva di 5,64 kg (celati alla vista sotto il piano di carico), il C-SUV ix35 Fuel Cell percorre fino a 594 km con un singolo pieno, con emissioni limitate al solo vapore acqueo.
La città di Bolzano è da tempo impegnata nel settore della mobilità a idrogeno, avendo già ricevuto cinque autobus a celle a combustibile nel 2013 nell'ambito del progetto Clean Hydrogen In European Cities (CHIC).
IIT è la prima struttura in Italia a dotarsi della nuova stazione di rifornimento di idrogeno da 700 bar, in grado di immagazzinare una quantità di idrogeno doppia rispetto al precedente serbatoio da 350 bar. Non da ultimo, il Centro H2 Sudtirolo produce idrogeno da fonti rinnovabili mediante processo di elettrolisi e successivamente purificato, compresso e stoccato.

Categorie: Mobilità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: