Lombardia: un milione per eco impianti

Pubblicato il: 31/03/2014
Autore: Redazione GreenCity

L'assessore Cavalli: "Lo sviluppo della rete distributiva carburanti con l'impiego di prodotti a basso impatto ambientale è una politica in cui Regione Lombardia ha creduto e investito e che ha dato risultati importanti".

"Un milione di euro per lo sviluppo della rete distributiva lombarda di metano liquido o di biometano, destinato ai mezzi su gomma e su rotaia. Un provvedimento primo nel suo genere in Italia". Questo ha detto l'assessore al Commercio, Turismo e Terziario della Regione Lombardia Alberto Cavalli, commentando la delibera approvata dalla Giunta, che finanzia le micro, piccole e medie imprese che realizzeranno impianti nuovi o potenzieranno quelli esistenti, di biometano o metano liquido.
"Con questo bando - sottolinea l'assessore - Regione Lombardia dimostra di continuare a tenere il piede sull'acceleratore dell'innovazione in materia di carburanti eco-compatibili, agendo soprattutto nei bacini territoriali meno provvisti, sulla rete autostradale, sui grandi nodi di traffico del trasporto merci e nei centri urbani".
"Lo sviluppo della rete distributiva carburanti con l'impiego di prodotti a basso impatto ambientale - continua l'assessore - è una politica in cui Regione Lombardia ha creduto e investito e che ha dato risultati importanti, considerato che dal 2008 a oggi, nonostante la crisi, gli impianti a metano nel territorio regionale sono più che raddoppiati, passando da 64 unità alle attuali 148, e altre 56 sono in fase di realizzazione".
"L'orientamento che ha guidato in questi anni l'azione di Regione Lombardia - ha concluso l'Assessore - è stato quello di creare sull'intero territorio regionale un sistema di mobilità che non impatti negativamente sulla salute dei cittadini e che al contempo possa basarsi su carburanti più economici per i cittadini e per le imprese". Il bando completo è scaricabile dal sito della Direzione Generale Commerciowww.commercio.regione.lombardia.it.

Categorie: Mobilità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: