Milano: Area C: 15 euro per chi regolarizza entro 7 giorni

Pubblicato il: 17/03/2014
Autore: Redazione GreenCity

Il nuovo importo sostituisce i 30 euro attuali. Scegliendo la modalità pagamento differito sul sito si potrà accedere al pagamento in misura agevolata.

Sarà applicato a partire dal 7 aprile 2014 il nuovo importo di 15 euro, anziché i 30 euro già previsti, per chi regolarizzerà i propri ingressi in Area C entro 7 giorni, scegliendo sul sito www.areac.it la modalità “Pagamento differito”.
Una modifica di importo nata da una mozione del Consiglio comunale di Milano con l’obiettivo che sempre più persone accedano a questa agevolazione, piuttosto che arrivare al pagamento di una multa.
“L’obiettivo dell’introduzione del pagamento differito, nato a fine settembre, è quello di rendere più semplice per tutti Area C ed evitare che chi sbaglia in buona fede venga eccessivamente sanzionato”, ha dichiarato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran.
Con l’importo di 30 euro sono stati 11.800 i pagamenti differiti attivati fino ad oggi (il 5% rispetto ai circa 229mila ingressi non coperti da pagamento dello stesso periodo). Grazie al nuovo importo di 15 euro sarà possibile per chi si è dimenticato di regolarizzarsi entro la mezzanotte del giorno dopo l’ingresso in Area C, risparmiare fino all’80% rispetto al costo di una multa.
Il tagliando “Pagamento differito entro 7 giorni” permette di regolarizzare i transiti effettuati fino a 7 giorni prima, attivando il pagamento di 15 euro (se gli ingressi non sono stati regolarizzati entro la mezzanotte del giorno successivo all’accesso nella Ztl Cerchia dei Bastioni). Per fare un esempio pratico, coloro che dovessero effettuare l’accesso lunedì 7 aprile e dimenticarsi di regolarizzarlo entro la mezzanotte di martedì 8 aprile, avranno modo di attivare il pagamento differito da 15 euro entro la mezzanotte di lunedì 14 aprile.
L’attivazione di questa tipologia di tagliando è acquistabile e attivabile online dopo essersi registrati nell’area personale My AreaC.

Categorie: Mobilità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: