Infrastrutture di ricarica, così si fidelizzano i clienti della mobilità elettrica

Pubblicato il: 23/07/2021
Autore: Redazione GreenCity

Sempre più alberghi, ristoranti, agriturismi e Bed & Breakfast procedono all’installazione di infrastrutture di ricarica per attrarre e fidelizzare nuovi clienti interessati alla mobilità elettrica

La mobilità elettrica è in forte crescita, spinta anche dall’emergenza COVID-19 che ha aumento l’attenzione nei confronti degli spostamenti ciclabili. I vantaggi di questo tipo di mobilità sono del resto evidenti: per le persone sono rappresentati dai minor costi, mentre per le città sono dati dal minor inquinamento e dal minor traffico.

In Italia, secondo il dossier di Legambiente solo nel 2020 sono state realizzate complessivamente quasi 200 chilometri di nuove ciclabili ‘leggere’, mentre lo scorso anno il numero dei punti di ricarica per veicoli elettrici sul territorio nazionale è aumentato del 39%. In generale, sono sempre di più i clienti di veicoli elettrici che durante le vacanze si trovano a dover scegliere una destinazione in base alle infrastrutture di ricarica disponibili ed è necessario che alla produzione di mezzi sempre più all’avanguardia venga affiancato un incremento di infrastrutture che possa garantire un servizio immediato lungo tutto il percorso cicloturistico e non.

Per questo è importante che strutture ricettive come alberghi, ristoranti, agriturismi e Bed & Breakfast procedano all’installazione di infrastrutture di ricarica, al fine di sfruttare la possibilità di attrarre e fidelizzare nuovi clienti. L’implementazione di stazioni di ricarica per esigenze turistiche offre, infatti, numerosi vantaggi non solo ai turisti, ma anche alle strutture: più sono numerose, più il valore e l’attrattività di una zona aumentano.

Sia che si tratti di un hotel, di un ristorante, di un bed & breakfast, di uno stabilimento balneare o di una destinazione turistica, l’installazione di una corretta infrastruttura di ricarica, significa innanzitutto trasmettere un’immagine positiva e sostenibile della propria realtà e in secondo luogo aumentare la competitività. Inoltre, esistono diverse opportunità di finanziamento e sovvenzioni regionali o nazionali per l’acquisto e installazione di stazioni di ricarica per EV.

L’opportunità offerta dalla disponibilità di queste strutture è ormai colta anche da gruppi bancari e supermercati, che hanno cominciato a dotare i propri parcheggi di punti di ricarica e manutenzione per le bici dei loro dipendenti e clienti.

“Per garantire un supporto a 360° alla mobilità su due ruote, le strutture più complete sono quelle che possono garantire una manutenzione completa delle bici, sia nel caso di veicoli a pedalata meccanica che elettrica. Le colonnine per la ricarica, infatti, devono essere dotate di attrezzi e pompe di gonfiaggio per pneumatici con attacco universale, a cui è possibile integrare supporti portabici, ma devono allo stesso tempo integrare le tipiche prese Schuko per E-Bike” spiega Fabio Toccoli, fondatore di Bike Facilities, azienda tutta italiana focalizzata nella ricerca, nello sviluppo e nella promozione di prodotti per la micro mobilità elettrica territoriale.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Mobilità

Tag:

Canali Social: