Nissan e.dams gareggia in Marocco nel campionato di Formula E

Pubblicato il: 11/01/2019
Autore: Redazione GreenCity

L’ePrix di Marrakesh inaugura il nuovo anno con la seconda tappa. Il circuito da 2,99 chilometri e 15 curve di Marrakesh si trova nella periferia della quarta città più grande del Marocco.

Dopo il debutto nella gara di apertura del campionato ABB FIA Formula E, il team Nissan e.dams arriva in Africa, secondo dei cinque continenti della quinta stagione per l’ePrix di Marrakesh.
Questo weekend segna la terza presenza del campionato di Formula E in Marocco e la prima per Nissan, prima casa automobilistica giapponese a partecipare alla competizione.
Nella tappa di apertura del campionato, i piloti di Nissan e.dams Sebastien Buemi e Oliver Rowland hanno conquistato rispettivamente il sesto e settimo posto, consentendo a Nissan e.dams di raggiungere il quarto posto nella classifica generale.
L’ePrix di Marrakesh non è la prima volta in cui Nissan mostra i benefici dei veicoli elettrici in Marocco. Infatti in occasione della conferenza dell’ONU sui cambiamenti climatici (COP22) tenutasi a Marrakesh nel 2016, Nissan ha fornito la flotta 100% elettrica più grande mai vista nel Paese, con 50 veicoli a disposizione dei delegati per dimostrare i vantaggi dell’ecosistema elettrico.
La gara di Marrakesh è la seconda delle 13 che si terranno nelle città più importanti al mondo, dove Nissan mostra il lato prestazionale della Nissan Intelligent Mobility, la roadmap strategica che si propone di ridefinire il modo in cui i veicoli vengono guidati, alimentati e integrati nella società.
Buemi e l’esordiente della serie Rowland avranno la loro seconda opportunità di correre a bordo della nuova auto da Formula E “Gen 2”, appositamente creata per la quinta stagione, che presenta una nuova batteria e un nuovo telaio per ognuno degli 11 team. Nissan ha sviluppato per questo modello una nuova propulsione con motore elettrico, inverter, cambio e software.Inoltre, sempre a Marrakesh, sarà usato per la seconda volta il nuovo format da corsa “Attack Mode”. I piloti possono dare un’iniezione di potenza per un breve periodo della gara dopo aver attivato l’apposita modalità in tratti prestabiliti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Mobilità

Tag:

Canali Social: