Copernicus: gli ultimi sette anni sono i più caldi a livello globale

Pubblicato il: 10/01/2022
Autore: Redazione GreenCity

L'Europa ha vissuto un'estate di estremi con forti ondate di calore nel Mediterraneo e inondazioni in Europa centrale. Al contempo, le concentrazioni globali di anidride carbonica e - in modo considerevole - anche di metano, hanno continuato ad aumentare.

Copernicus Climate Change Service (C3S) ha pubblicato i nuovi dati che indicano che gli ultimi sette anni sono stati, con ampio margine, i sette più caldi in assoluto a livello globale. In questi sette anni, il 2021 si colloca tra gli anni più freschi, insieme al 2015 e al 2018. Nel frattempo, l'Europa ha vissuto la sua estate più calda mai registrata, seppur simile alle precedenti estati più calde del 2010 e del 2018.
In collaborazione con Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS), C3S riferisce inoltre che l'analisi preliminare delle misurazioni satellitari conferma che le concentrazioni di gas serra nell'atmosfera hanno continuato ad aumentare nel corso del 2021, con i livelli di anidride carbonica (CO2) che raggiungono un record globale annuale medio di colonna di circa 414 ppm, e il metano (CH4) raggiunge un record annuale di circa 1876 ppb. Le emissioni di carbonio provocate dagli incendi in tutto il mondo ammontano complessivamente a 1850 megatonnellate, in particolare alimentate dagli incendi in Siberia. Questo dato è leggermente superiore a quello dell'anno scorso (1750 megatonnellate di emissioni di carbonio), sebbene la tendenza sia in calo dal 2003.
schermata 2022 01 08 alle 09 16 00
 Temperature dell'aria superficiale globale
  • A livello globale, il 2021 è stato il quinto anno più caldo mai registrato, solo lievemente più caldo del 2015 e 2018
  • La temperatura media annuale è stata di 0.3°C superiore rispetto alla temperatura del periodo di riferimento 1991-2020, di 1.1-1.2°C superiore al livello pre-industriale del 1850-1900
  • Gli ultimi sette anni sono stati gli anni più caldi mai registrati con un margine notevole
A livello globale, i primi cinque mesi dell'anno hanno registrato temperature relativamente basse rispetto agli anni più recenti, molto più caldi. Da giugno fino ad ottobre, tuttavia, le temperature mensili sono state sempre tra le quattro più calde mai registrate. Le temperature degli ultimi 30 anni (1991-2020) sono state circa 0.9 °C superiori rispetto a quelle del periodo pre-industriale.
In rapporto a quest'ultimo periodo di riferimento di 30 anni, le regioni con temperature più alte della media sono comprese in una fascia che si estende dalla costa occidentale degli Stati Uniti e del Canada, al Canada nord-orientale e alla Groenlandia, così come ampie parti dell'Africa centrale e settentrionale e del Medio Oriente. Temperature inferiori alla media sono state rilevate nella Siberia occidentale e orientale, in Alaska, nel Pacifico centrale e orientale - in concomitanza con avvenimenti come La Niña all'inizio e alla fine dell'anno - così come nella maggior parte dell'Australia e in parti dell'Antartide.

Temperature dell'aria superficiale europea
Prendendo in considerazione l'intero anno, l'Europa era solo di 0.1 °C sopra la media 1991-2020, non classificandosi come uno dei dieci anni più caldi. Per il territorio europeo, i dieci anni più caldi si sono tutti verificati dal 2000, con i sette anni più caldi dal 2014 al 2020 
Gli ultimi mesi della stagione invernale e primaverile sono stati generalmente vicini o inferiori alla media 1991-2020 in Europa. Una fase fredda in aprile, in seguito ad un marzo relativamente caldo, ha causato gelate di fine stagione nelle zone occidentali del continente. Al contrario, l'estate europea del 2021 è stata la più calda mai registrata, seppur simile alle precedenti estati più calde del 2010 e del 2018. Giugno e luglio sono stati entrambi i secondi più caldi dei loro rispettivi mesi, mentre agosto è rimasto vicino alla media generale, ma ha assistito ad una notevole differenza tra temperature superiori alla media a sud e sotto la media a nord.



Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: