Fiware: le smart city devono essere open source

Pubblicato il: 22/11/2019
Autore: Redazione GreenCity

Fiware era presente allo Smart City Expo World Congress di Barcellona con un progetto open source per smart city, smart energy, smart agrifood e smart industry. La parola d'ordine è open data.

Costruire un ecosistema aperto e sostenibile basato su una piattaforma open source, esente da royalty, che faciliti lo sviluppo di applicazioni smart per più settori. È questa la mission di Fiware Foundation, un'organizzazione no profit fondata nel 2016 da Atos, Engineering, Orange e Telefónica. Incoraggia l'adozione di standard aperti che facilitino lo sviluppo di soluzioni intelligenti per Smart City, Smart Energy, Smart Agrifood e Smart Industry.

L'idea è quella di spingere per la creazione di soluzioni smart più facili, interoperabili e convenienti. Le soluzioni sono indirizzate a industrie, Governi, università e associazioni e sono già operative in molti Paesi del mondo. Analogamente ad altri protagonisti dell'innovazione smart, Fiware punta a sviluppare soluzioni per migliorare la qualità della vita dei cittadini. Per questo sviluppa applicazioni la gestione dei rifiuti, per l'illuminazione a LED intelligente, per sistemi di irrigazione smart, e molto altro. Tutto a disposizione dei fornitori di servizi pubblici.
img 20191120 125902Fattivamente, Fiware interpreta gli ambienti intelligenti come un ecosistema guidato da un'amministrazione efficiente del servizio pubblico. Come è semplice: con soluzioni basate su tecnologie come i big data, IoT, Intelligenza Artificiale e robotica, che si fondono in un'unica entità.

Perché essere smart va oltre la tecnologia: richiede che il pubblico e le amministrazioni si distacchino dalla concezione di strutture organizzative frammentate. E si spostino verso quadri altamente collaborativi che abbracciano aziende private, organizzazioni no profit, cooperative sociali e cittadini. Tutti con l'unico scopo di fornire servizi pubblici senza soluzione di continuità.

Al centro di questa visione c'è la gestione dei context data. Descrivono cosa sta succedendo, chi è coinvolto, dove, quando, perché. Ad esempio, il contesto è significativo nelle fattorie, perché descrive lo stato delle colture e del suolo. Nell'industria può aiutare i gestori a migliorare l'efficienza dei sistemi industriali. Negli impianti energetici rivela lo stato dell'impianto e il fabbisogno energetico previsto.

È il trattamento dei context data che guiderà in modo intelligente le decisioni in futuro. Decisioni che miglioreranno i processi quotidiani, aumenteranno la produttività di persone e aziende. Il problema è che questi dati sono una miscela di informazioni provenienti da più fonti. E che sono i proprietari dei dati a decidere chi può accedere, quando, come, dove e cosa perché. Questo significa che possono esercitare la piena sovranità sui propri dati, spesso per monetizzarli e aprire alla nuova economia dei dati.

Fiware si distingue in quanto definisce una nuova gestione del contesto, proponendo standard necessari per la creazione di piattaforme e infrastrutture digitali interoperabili. Così facendo permette di elaborare e analizzare il contesto su larga scala.
fiware 4Il suo framework è una piattaforma software open source con componenti che possono essere assemblati con quelli di terze parti per costruire piattaforme "Powered by Fiware". Il componente principale di qualsiasi piattaforma "Powered by Fiware" è il cosiddetto Context Broker, che supporta l'API FIWARE NGSI. È un programma semplice ma potente per risolvere l'esigenza di base in qualsiasi soluzione intelligente: raccogliere, gestire e fornire accesso ai context data.

L'API FIWARE NGSI abilita l'integrazione dei componenti della piattaforma FIWARE, l'interoperabilità di soluzioni e servizi smart e la loro portabilità (replicabilità) su diverse piattaforme "Powered by FIWARE".

Grazie alla comunità globale di sviluppatori, l'API FIWARE NGSI si è evoluta nel tempo. La versione NGSIv2 è stata ampiamente utilizzata in più scenari. È stata anche pubblicata come base per le specifiche API NGSI-LD, recentemente pubblicate dal European Telecommunications Standards Institute.

È questo che raffigura l'enorme plastico in lego portato da Fiware allo Smart City Expo World Congress di Barcellona, che vedete nelle immagini di questa pagina.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: