Belluno la più colpita dal surriscaldamento in Italia: olio e carciofi in alta quota

Pubblicato il: 25/09/2018
Autore: Redazione GreenCity

Coldiretti: "Il cambiamento delle condizioni ambientali tradizionali mette a rischio il patrimonio di prodotti tipici Made in Italy".

Vino d’alta quota, ulivi sui pendii delle Dolomiti e primizie orticole sono alcuni degli effetti provocati dai cambiamenti climatici a Belluno che si classifica come la città italiana piu’ colpita dal surriscaldamento con un aumento di 2 gradi delle temperatura nel 21esimo secolo (fino al 31 dicembre 2017) rispetto alla media annuale del ventesimo secolo secondo l’indagine realizzata dall’European Data Journalism Network (EDJNet).
"Da qualche anno – sottolinea la Coldiretti – nel feltrino si trova dell’ottimo vino, del buon olio e soprattutto molte verdure fresche di stagione come se gli orti verdi siano i nuovi pascoli di montagna cosi come ha fatto la sua prima comparsa il carciofo, tanto da diventare prodotto di punta di alcuni territori".
"Gli effetti del cambiamento climatico – continua la Coldiretti – sono evidenti lungo tutta la penisola a partire dal centro nord dove si concentrano tutte le realtà che rientrano nella top ten delle città italiane che hanno avuto il maggior innalzamento delle temperature che sono oltre a Belluno Piombino (+1,7 gradi), Pavia, Piacenza (1,3 gradi), Savona La Spezia, Modena, Genova, Ancona, Bergamo, Livorno (+1,2 gradi). E’ cambiata nel tempo – spiega la Coldiretti – la distribuzione delle coltivazioni e le loro caratteristiche con l’ulivo, tipicamente mediterraneo, che in Italia si è spostato a ridosso delle Alpi mentre in Sicilia ed in Calabria sono arrivate le piante di banane, avocado e di altri frutti esotici Made in Italy, mai viste prima lungo la Penisola".
"E il vino italiano con il caldo – continua la Coldiretti – è aumentato di un grado negli ultimi 30 anni ma si è verificato nel tempo un anticipo della vendemmia anche di un mese rispetto al tradizionale mese di settembre, smentendo quindi il proverbio “ad agosto riempi la cucina e a settembre la cantina”, ma anche quanto scritto in molti testi scolastici che andrebbero ora rivisti. Il riscaldamento provoca anche – precisa la Coldiretti – il cambiamento delle condizioni ambientali tradizionali per la stagionatura dei salumi, per l’affinamento dei formaggi o l’invecchiamento dei vini. Una situazione che di fatto – continua la Coldiretti – mette a rischio il patrimonio di prodotti tipici Made in Italy che devono le proprie specifiche caratteristiche essenzialmente o esclusivamente all’ambiente geografico comprensivo dei fattori umani e proprio alla combinazione di fattori naturali e umani.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: