▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Secondo un sondaggio Quantis, i dirigenti del settore alimenti e bevande sono abbastanza fiduciosi di raggiungere gli obiettivi di sostenibilità, ma mancano le leve critiche nei piani

Pubblicato il: 31/05/2024
Autore: Business Wire
Quantis, un'azienda BCG e consulente leader globale nella sostenibilità che promuove la trasformazione sostenibile per allineare le aziende ai limiti planetari, oggi ha pubblicato il suo rapporto glo...

La revisione del portafoglio, l'agricoltura rigenerativa e le iniziative basate sulle piante limitate terranno gli obiettivi di sostenibilità delle aziende fuori portata

BOSTON: Quantis, un'azienda BCG e consulente leader globale nella sostenibilità che promuove la trasformazione sostenibile per allineare le aziende ai limiti planetari, oggi ha pubblicato il suo rapporto globale su alimenti e bevande, Recipe for Transformation (Ricetta per la trasformazione). Il rapporto si basa su un sondaggio svolto tra oltre 600 professionisti e dirigenti di livello C in diverse funzioni aziendali nel settore alimenti e bevande. Gli intervistati lavorano in grandi aziende nei subsettori del commercio al dettaglio, commercio all'ingrosso, merci imballate di largo consumo, materie prime e agricoltura all'interno dell'industria degli alimenti e bevande.

Il 76% degli intervistati hanno riferito un certo livello di fiducia nei loro piani di sostenibilità e nella capacità di raggiungere gli obiettivi ambientali entro il 2030, ma ai piani di azione mancano gli elementi critici per il successo. La revisione del portafoglio, l'agricoltura rigenerativa e le iniziative basate sulle piante sono state citate come le tre priorità più basse dell'anno prossimo, nonostante abbiano il maggiore potenziale per la trasformazione radicale. Piani di azione chiari sono il secondo fattore di successo per importanza (38%), ma mancano e sono considerati ancora una sfida per il 26% degli intervistati.

Tra gli altri fattori importanti emersi nel sondaggio:

  • La catena di fornitura rimane la sfida maggiore: il 42% degli intervistati ne cita le complessità come l'ostacolo più grande al successo.
  • L'investimento finanziario rimane un ostacolo, riflesso anche dai budget dei reparti: menzionato come il secondo ostacolo maggiore al successo, l'allocazione di fondi rimane una difficoltà - la percentuale media del budget annuale allocato per ridurre l'impatto ambientale è solo del 12,54 in tutti i reparti.
  • I responsabili della sostenibilità necessitano di un maggiore coinvolgimento inter-dipartimentale: l'impegno delle aziende e la cultura plasmata dalla dirigenza sono stati i motori più importanti delle pratiche di sostenibilità in tutti i reparti, ma i due ostacoli maggiori al successo (catena di fornitura e allocazione di budget) si trovano ben al di fuori del loro controllo.
  • L'imballaggio è una priorità: la maggior parte degli intervistati possiede strumenti e budget per rendere gli imballaggi più sostenibili, e il 62% lo ha menzionato come una priorità assoluta per l'anno prossimo – un chiaro punto di partenza tra i marchi, ma mancano le leve critiche per scalare e implementare questi sforzi.
  • I consumatori sono pronti – l'industria deve solo agire: anche nel clima economico attuale, il 100% degli intervistati del marketing ha assistito a cambiamenti nel comportamento dei consumatori relativamente ad abitudini di acquisto sostenibili. Più di metà afferma che i propri consumatori sono più interessati ai prodotti sostenibili e pronti a spendere di più per acquistarli.

“Nonostante i leader del settore alimenti e bevande facciano progressi, il percorso verso l'allineamento con i limiti e la resilienza del pianeta richiederanno un cambiamento dalla sostenibilità in un silo alla sostenibilità integrata nelle funzioni aziendali”, ha dichiarato Charlotte Bande, Global Food & Beverage Lead per Quantis. “Secondo le stime, le aziende del settore alimentare e bevande potrebbero perdere fino al 26% del proprio valore se non agiscono rapidamente, ma molte sono ancora le difficoltà da superare in modo efficace ed efficiente. Assicurare un budget superiore e promuovere una trasformazione d'impatto richiederà collaborazione, sia attraverso i reparti all'interno delle aziende sia attraverso partner strategici nell'intera catena di valore”.

Per scaricare il Global Food Report, Recipe for Transformation, visitare il sito https://quantis.com/report/recipe-for-transformation-food-sustainability/. Per saperne di più su Quantis, visitare il sito www.quantis.com.

Informazioni su Quantis
Quantis, una società BCG, è un'azienda di consulenza globale nel campo della sostenibilità ambientale che adotta approcci pionieristici per risolvere sfide ambientali cruciali. Il gruppo collabora con importanti organizzazioni impegnate nella riduzione del proprio impatto ambientale per rendere la propria azienda a prova di futuro e prosperare in una nuova economia planetaria. L'approccio unico di Quantis unisce profonde competenze in materia ambientale, conoscenze commerciali strategiche e capacità di trasformazione aziendale per aiutare le organizzazioni a plasmare le politiche, le pratiche e i modelli aziendali che si allineano con la capacità del pianeta pur costruendo la resilienza, offrendo innovazione e ottimizzando le prestazioni. Con uffici negli Stati Uniti, Francia, Svizzera, Germania e Italia e clienti in tutto il mondo, Quantis è un partner chiave per ispirare il cambiamento sostenibile su scala globale.

Fonte: Business Wire



Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Business Wire

Canali Social: