Mare, Velo: Rifiuti in mare minaccia per ecosistema e biodiversità

Pubblicato il: 11/11/2015
Autore: Redazione GreenCity

Il Sottosegretario all'Ambiente, Silvia Velo: "Il mare è il maggior assorbitore di Co2 e la sua salute è determinante per il processo di contenimento delle emissioni".

“Il tema del Marine Litter ha assunto negli ultimi anni un ruolo centrale tra le minacce che possono mutare l'equilibrio degli ecosistemi marini e la biodiversità. Non si tratta solo dell’ingestione da parte di uccelli, tartarughe pesci e mammiferi marini, per altro ben documentati, a causare effetti devastanti su una serie di specie. Negli ultimi anni, a destare ulteriori preoccupazioni, è la questione delle microplastiche capaci di entrare nella catena alimentare”.
È quanto ha detto il Sottosegretario all'Ambiente, Silvia Velo, nel corso della tavola rotonda "Politiche, strumenti per la prevenzione e la riduzione dei rifiuti in mare, nell'ambito dell'iniziativa "Plastic Free Sea".
“Il nostro Governo su questo fronte, attraverso il Ministero dell'Ambiente, è impegnato nell'attuazione della Direttiva quadro sulla Strategia Marina, di cui il marine litter è uno degli undici descrittori. Sono state definite le condizioni di buono stato ambientale dei mari che ci proponiamo di raggiungere da qui al 2020 e sono stati già individuati i traguardi ambientali, ambiziosi ma realistici, attraverso i quali raggiungerlo".
"Inoltre - ha continuato Velo - sono già operativi i Programmi di Monitoraggio, inclusi quelli relativi ai rifiuti spiaggiati e alle microplastiche, grazie a un accordo con le 15 regioni costiere e le loro Agenzie per la Protezione Ambientale, per il quale sono state destinate ingenti risorse finanziarie, ben 27 milioni di euro per il triennio 2015-17".
"Il mare - ha concluso il sottosegretario Velo - è anche il maggior assorbitore di Co2 e la sua salute è determinante per il processo di contenimento delle emissioni. Una questione di grande rilevanza, in particolare in vista dei lavori della Cop21 di Parigi”.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: