Clima: Galletti, mandato ambizioso, Europa tiene fede all'impegno

Pubblicato il: 21/09/2015
Autore: Redazione GreenCity

Il ministro Galletti: "Dobbiamo ricostruire il nostro sistema produttivo ed economico in chiave di sostenibilità e de-carbonizzazione".

“Il mandato che il Consiglio dei ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea ha dato alla presidenza lussemburghese in vista della conferenza Onu sul clima di Parigi è chiaro, alto, ambizioso: ridurre le emissioni del 40% entro il 2030, del 50% entro il 2050 per arrivare entro la fine del secolo a emissioni zero.C’è inoltre un impegno particolare a sostenere i paesi meno avvantaggiati che spesso sono quelli più colpiti dalle conseguenze del surriscaldamento globale”.
Lo scrive il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti nel nuovo editoriale sulla newsletter del dicastero, nel quale commenta il piano messo a punto oggi a Bruxelles dai ministri dell’Ambiente Ue in vista della Cop21 di Parigi.“L’Europa insomma – continua Galletti - sta tenendo fede al suo impegno: tenere alta l’asticella dell’intesa con target di riduzione di C02 che sono di gran lunga i più ambiziosi del pianeta e mettendo in campo tutto il suo peso politico per far sì che nella capitale francese in dicembre si raggiunga un’intesa efficace, in grado cioè di fronteggiare i cambiamenti climatici. E’ importante anche la prospettiva di medio e lungo termine".
"Non si tratta - spiega Galletti - di impegni poco rilevanti perché troppo lontani nel tempo. Se vogliamo costruire le condizioni per il raggiungimento dei target che ci siamo prefissi al 2030 e al 2050 e per preparare l’obiettivo di fondo di emissioni zero nel 2100, dobbiamo iniziare a lavorare da oggi. Dobbiamo ricostruire il nostro sistema produttivo ed economico in chiave di sostenibilità e de-carbonizzazione, dobbiamo essere in grado di fornire ai paesi che chiedono sviluppo e crescita economica fonti di energia adeguate che non producano gas serra. E’ un processo complesso, lungo, che richiederà decenni e salde volontà politiche”.
Il ministro sostiene infine che “è un processo che deve iniziare oggi e che deve essere “certificato” da impegni precisi, vincolanti, da meccanismi di controllo, da un sistema di regole che dovremo adottare a Parigi. E’ questo il nostro impegno. E la nostra responsabilità”.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: