Comieco a Napoli: al Rione Sanità per incoraggiare la raccolta del cartone

Pubblicato il: 18/03/2015
Autore: Redazione GreenCity

Tra le iniziative promosse, un corteo animerà il quartiere, portando la festa dal borgo dei Vergini fino a piazza Sanità e invitando i partecipanti ad improvvisarsi “cartonai” per un giorno.

Il progetto sperimentale “Cartesio Napoli”, sostenuto da Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli imballaggi a base cellulosica), dal Comune di Napoli e dalla Parrocchia Santa Maria dei Miracoli, scende in campo domani con un carosello che si inserisce nel percorso di animazione sociale del Rione Sanità, quartiere storico e tra i più popolosi della città. Una passeggiata celebrativa partirà dal borgo dei Vergini alle ore 11.00 e attraverserà il quartiere fino ad arrivare a piazza Sanità, con animazione e musica delle tammorre suonate dal gruppo artistico del maestro “tammorraro” Francesco di Vaio. Si tratta di un gesto simbolico volto a ringraziare gli abitanti della zona per la collaborazione fornita al successo del progetto sperimentale e ad incentivare ulteriormente la raccolta differenziata, rilanciando uno dei mestieri della tradizione: il “cartonaio”.
Il progetto “Cartesio Napoli”, in corso dal 1° Dicembre 2014, risponde all’esigenza di aumentare le percentuali di raccolta del cartone nella città di Napoli e sviluppare una maggiore attenzione all’ambiente, attraverso il coinvolgimento attivo dei cittadini, in particolare dei giovani, e il recupero di risorse nascoste o non utilizzate. Questa raccolta “speciale”, gestita dalla cooperativa Ambiente Sociale e organizzata da Don Valentino della Parrocchia Santa Maria dei Miracoli, si aggiunge al servizio effettuato da ASIA per il recupero del cartone non ancora raccolto. L’idea è fondata sulla costruzione di una rete sociale tra le parrocchie e le cooperative locali coinvolte, che si occupano di coinvolgere i giovani della zona nell’iniziativa, fornendo loro un supporto ed una nuova prospettiva di imprenditorialità locale.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: