Terra dei fuochi: si insedia comitato interministeriale per interventi urgenti e prevenzione

Pubblicato il: 13/11/2014
Autore: Redazione GreenCity

Tra i compiti del Comitato quello di individuare e potenziare le azioni e gli interventi di prevenzione del danno e dell’illecito ambientale, la tutela e la bonifica dei terreni, delle acque di falda e dei pozzi della Regione Campania.

Si è insediato a Palazzo Chigi, per la sua prima riunione ufficiale, il Comitato interministeriale sulla “Terra dei Fuochi”, il massimo livello di coordinamento istituzionale sulle azioni di intervento e prevenzione relative ai problemi ambientali, agroalimentari, sanitari e paesaggistici delle aree interessate.
Al Comitato, ricostituito con decreto del Presidente del Consiglio il 18 settembre scorso hanno partecipato i Ministri dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Gian Luca Galletti, e delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, i Sottosegretari dei Beni e delle attività culturali, Ilaria Borletti Buitoni, della Difesa, Gioacchino Alfano, e dell’Interno, Gianpiero Bocci, il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro e i rappresentanti dei Ministeri della Salute e delle Infrastrutture e trasporti.
Il Comitato ha il compito specifico di individuare e potenziare le azioni e gli interventi di prevenzione del danno e dell’illecito ambientale, il monitoraggio, anche di radiazioni nucleari, la tutela e la bonifica dei terreni, delle acque di falda e dei pozzi della Regione Campania.
Col suo insediamento viene resa pienamente operativa la fase dell’attuazione delle misure urgenti del decreto legge 136/2013 per garantire la sicurezza agroalimentare in Campania.
Infine, il Comitato, che ha proposto l'avvio delle procedure per la nomina dei componenti della Commissione prevista dalla legge, trasmetterà alle Camere una relazione semestrale sulle procedure di bonifica e messa in sicurezza dei siti inquinati, lo stato di avanzamento dei lavori e dei progetti e il rendiconto delle risorse finanziarie impiegate e di quelle ancora disponibili.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: