Rinvenuto un sito di nidificazione di Caretta caretta a Pollica (SA)

Pubblicato il: 01/08/2014
Autore: Redazione GreenCity

Il Comune di Pollica, Legambiente e il Museo del Mare organizzeranno attività di ricerca, conservazione, sorveglianza e informazione a tutela delle tartarughe marine ritrovate in Cilento.

A Pollica (SA) sulla spiaggia grande di Acciaroli in pieno “Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni”, nella giornata di ieri è stato segnalato un sito di nidificazione di tartaruga marina Caretta caretta.
Il sito, che si stima essere composto da circa un centinaio di uova, è stato subito identificato e segnalato da tre giovani del luogo a Gianfranco Pollaro del Coordinamento della Regione Campania per i cetacei e le tartarughe, che ha immediatamente allertato la Capitaneria di Porto di Acciaroli.
Il Comune di Pollica, secondo quanto previsto nelle apposite Linee Guida nazionali, ha già provveduto ad attivare la Polizia Municipale per la sorveglianza del nido, messa in sicurezza, e recinzione dell’area.
Il tutto è stato possibile grazie anche alla collaborazione degli ormeggiatori del Porto di Acciaroli coordinati dal Sindaco Stefano Pisani, in stretta collaborazione con Valerio Calabrese di Legambiente Campania e direttore di “Musea”, il Museo Vivo del Mare di Pioppi, secondo il quale “di buon auspicio è stata la partnership siglata, lo scorso 10 luglio a Pioppi, tra Legambiente e Mareblu che permetterà di realizzare un nuovo allestimento al Museo Vivo del Mare e della Dieta Mediterranea che sarà collegato on line con il Centro di recupero tartarughe marine di Manfredonia (FG) attraverso un’installazione interattiva: tre webcam consentiranno infatti di osservare a Pioppi quello che in tempo reale avviene all’interno del Parco Nazionale del Gargano e di offrire notizie e peculiarità sulla vita delle tartarughe marine”.
Ora, mentre i tecnici dell’istituto Antonio Dohrn monitoreranno scientificamente la nidificazione, il sito verrà costantemente sorvegliato per tutto il periodo di incubazione, circa 60 giorni, dal personale del Comune e dai volontari di Legambiente. Viene pertanto fatto appello ai cittadini e ai turisti di contattare il Comune e il Museo Vivo del Mare per offrire aiuto nella vigilanza e monitoraggio dell’area per evitare ogni possibile danneggiamento e compromissione del nido.
“Il ritorno dell’affascinante fenomeno della nidificazione della tartaruga comune sulle spiagge del Cilento –dichiara Antonio Nicoletti, responsabile Aree Protette di Legambiente- rappresenta un evento di grande valore scientifico e conservazionistico e Legambiente, insieme al Comune di Pollica, sta attivando sinergie per promuovere iniziative di informazione e sensibilizzazione sulla Caretta caretta”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: