Roma: raccolta delle lampadine esauste ora anche dai rivenditori

Pubblicato il: 24/06/2014
Autore: Redazione GreenCity

Con l’attivazione del servizio a Roma, il servizio “Nuova luce al recupero” è attiva ora in quattro grandi città italiane (Roma, Milano, Torino e Venezia).

Nasce a Roma dalla partnership tra Ama e Ecolamp (Consorzio per il riciclo delle sorgenti luminose esauste) la nuova iniziativa di raccolta delle lampadine vecchie che i rivenditori di materiale elettrico raccolgono con il sistema dell’“uno contro uno”: per ogni lampadina venduta ne prendono indietro una bruciata. L’obiettivo è incentivare la conoscenza e l’utilizzo di questo canale di raccolta da parte dei cittadini.
Presso i rivenditori, Ecolamp ha istallato i contenitori più adeguati alla raccolta delle lampadine non più funzionanti e il materiale informativo. Una volta al mese, poi, il partner logistico dell’iniziativa Controlfilm provvede al ritiro dei contenitori pieni e alla consegna dei nuovi. Le lampadine raccolte dai grossisti vengono trasportate ai centri di raccolta comunali e, successivamente, agli impianti di trattamento autorizzati, che recuperano oltre il 95% dei materiali di cui sono composte. 
Ecolamp ha individuato i punti vendita associati a FME (Federazione Nazionale Grossisti di Materiale Elettrico) di Roma e provincia e, attualmente, 27 grossisti (con sede a Roma, Ciampino, Civitavecchia, Fiano Romano, Fiumicino, Monterotondo, Pomezia, Prenestino, Velletri e Villa Adriana) hanno aderito al progetto. L’elenco, in continuo aggiornamento, è online sul sito Ecolamp, nella sezione dedicata. 
I cittadini, comunque, possono continuare a portare le apparecchiature elettriche non più funzionanti alle isole ecologiche comunali.
“Nuova luce al recupero” è quindi un ulteriore contributo alla corretta raccolta e gestione delle lampadine esauste nel territorio romano: già nel 2013 sono stati raccolti a Roma e provincia 96.651 chili di lampade a basso consumo (+13 per cento rispetto al 2012), e 113.152 kg di lampadine (+16 per cento rispetto al 2012) nella Regione Lazio.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: