Greenpeace: dal G7 nessun passo avanti sull’indipendenza energetica

Pubblicato il: 06/06/2014
Autore: Redazione GreenCity

Andrea Boraschi di Greenpeace Italia: "Dobbiamo liberare le nostre economie dalla dipendenza energetica e passare a un futuro sostenibile ed efficiente basato interamente sulle rinnovabili".

Il G7 si chiude senza nessun passo avanti sulla questione cruciale dell’indipendenza energetica. La 42esima Giornata Mondiale dell’Ambiente, che si celebra oggi in tutto il mondo, non ha ispirato i leader delle nazioni più industrializzate, ancora alle prese con gli effetti della crisi ucraina sulla sicurezza energetica europea.
"Il G7 è tornato a discutere di sicurezza energetica come se la cosa non avesse nulla a che fare con i cambiamenti climatici. Eppure la dipendenza delle nostre economie dalle fonti fossili distrugge il clima proprio come alimenta conflitti e guerre. Passare da petrolio e gas russi a fossili di altra provenienza è solo un pessimo modo per prolungare la vita a fonti del passato; i timidi passi avanti da parte Ue e Usa sulla riduzione delle emissioni di CO2 non sono abbastanza. Dobbiamo liberare le nostre economie dalla dipendenza energetica e passare a un futuro sostenibile ed efficiente basato interamente sulle rinnovabili" commenta Andrea Boraschi, responsabile della Campagna Energia e Clima per Greenpeace Italia.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: