Scuola, nelle periferie di Roma arriva la mensa a metri zero

Pubblicato il: 04/06/2014
Autore: Redazione GreenCity

Il progetto è destinato ad allargarsi in altre scuole delle periferie di Roma, che potranno adottare il marchio “mensa a metri zero” attivando, sotto il coordinamento dell’assessorato allo Sviluppo delle Periferie, progetti che coinvolgano produzioni locali situate a pochi km dai plessi scolastici.

Ha preso il via a Roma il primo progetto di mensa scolastica di una città metropolitana con menù prodotto in una zona inferiore al km dalla scuola stessa e servito entro la giornata.
Il progetto pilota, che si svolgerà presso la Scuola Elementare Cinquina (Istituto Comprensivo Uruguay), è stato presentato in Campidoglio dagli assessori capitolini Paolo Masini (Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana), Alessandra Cattoi (Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità) e il presidente del III Municipio, Paolo Marchionne. 
 Il progetto, che si realizza grazie alla partnership fra Cooperativa Sociale Parsec Soc. Coop. e Cascina Global Service Srl e coinvolge tutti i 300 bambini della scuola materna ed elementare del plesso Cinquina, ha preso il via in fase sperimentale e proseguirà nell’anno scolastico 2014/2015. 
Le derrate saranno interamente fornite da una rete di produttori locali, appartenenti all’area geografica della Riserva Naturale della Marcigliana, coordinati dall’azienda responsabile dell’approvvigionamento, che ha sede a poche centinaia di metri dall’Istituto Comprensivo. 
La mensa scolastica servirà prodotti agricoli e agroalimentari freschi e genuini; la selezione degli alimenti seguirà il criterio della stagionalità e disponibilità sul mercato dei prodotti, e prevede tecniche di cottura specifiche.
All’interno del progetto sono previsti percorsi educativi per consentire agli alunni di seguire le coltivazioni e la produzione: una volta al mese le classi dell’Istituto visiteranno le fattorie limitrofe e saranno sollecitate al contatto diretto e allo studio di animali e piante. Nei terreni agricoli delle cooperative, poi, verrà ricavato uno spazio ‘Orto-scuola’ dedicato ai bambini, grazie al quale sarà possibile imparare elementi di orticoltura e seguire direttamente le produzioni della mensa. 
Infine, il progetto prevede l’inserimento nei terreni agricoli di un sistema di smaltimento dei rifiuti improntato al riciclo e operato tramite macchinari di compostaggio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Canali Social: