Legambiente: legalità e tutela dei beni culturali con i campi di volontariato

Pubblicato il: 29/05/2014
Autore: Redazione GreenCity

Tra i campi possibili ci sono quelli di Sernaglia della Battaglia (Tv), di Pollica - Pioppi (Sa), di Pozzuoli (Na), Brindisi, Sala Biellese (Bi) e di Petralia Soprana (Pa).

Dopo i campi di Pasqua, ecco i campi di volontariato estivi di Legambiente per la tutela di aree e beni culturali e la difesa della legalità. La scelta non manca. Tanto per farsi un’idea, ci sono i campi di Sernaglia della Battaglia (Tv), di Pollica - Pioppi (Sa) e di Pozzuoli (Na) dedicati alla salvaguardia di aree di interesse culturale; oppure, nella sezione Ambiente e legalità, quelli di Brindisi, di Sala Biellese (Bi) e di Petralia Soprana (Pa).
Fontane Bianche di Sernaglia, nella regione del Quartier di Piave, è un’area ZPS e SIC, di rilevanza europea per la presenza di risorgive lungo l’asta del fiume Piave. All'interno dell'area è stato creato un percorso didattico-naturalistico visitato ogni anno da migliaia di persone, arricchito negli anni da ponti di legno per attraversare i vari rami di risorgiva, adeguati anche per i diversamente abili. Ora però è giunto il momento di smontare, pulire e rimontare tutti i vari manufatti. A questo lavoro principale si aggiungeranno interventi di manutenzione ordinaria dell'intera area, come pulizia dei sentieri, recupero rifiuti, pulizia della cartellonistica, controllo delle piante invasive (200 euro - per volontari maggiorenni - dal 1  al 10 / 8 / 2014).
Pollica, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Legambiente è impegnata nella creazione di un ecomuseo della dieta mediterranea, riconosciuta dall’Unesco nel patrimonio immateriale dell'umanità. Tra i lavori da portare avanti, l'apertura di sentieri che collegano la frazione marinara di Pioppi, dove insiste il Palazzo Vinciprova, sede del museo, con le frazioni collinari e altri centri abitati del comprensorio. Lungo i sentieri riaperti saranno allestiti percorsi culturali e naturalistici dotati di cartellonistica e informazioni sulle piante autoctone che si incontrano legate alla Dieta Mediterranea (250 euro - dai 18 anni in su - dal 21 al 30 / 7 / 2014).
Ripa Puteolana (Pozzuoli) conserva manufatti romani sommersi a causa del bradisismo: l’antica linea di costa, con le ville, le terme, le strade e le altre opere murarie romane è oggi sommersa. Il campo prevede rilievi archeologici, attività didattiche, monitoraggio e pulizia fondali, per realizzare la mappatura e il rilievo in 3D dei manufatti romani e ricavarne delle cartine descrittive a fini divulgativi. Sono previste 3 tipologie di svolgimento: corsi sub ARA di livello base PADI e avanzato, con immersioni e pulizia dei fondali; snorkeling con rilievo dati di superficie per la mappatura dei reperti; immersioni per quotazione e rilievo architettonico dei reperti del sito e rilievo della biodiversità. (Sub 580 euro, Snork 480, sub 720 - dai 18 anni in su - dal 5 al 14 / 8 / 2014).
Le Saline di Punta della Contessa, a Brindisi, sono un’importante zona umida costiera e sono state riconosciute Parco Regionale Protetto nel 1997, ma fino ad oggi sono protette solo sulla carta. L’area è infatti interessata da forte presenza antropica che nel periodo estivo tende a portare autovetture fin sulla spiaggia. Il campo di volontariato, svolto in collaborazione col Comune, è volto a regolamentare la presenza antropica nell’area, dando visibilità all’area protetta attraverso la realizzazione di alcune infrastrutture ecocompatibili. I volontari saranno impegnati in interventi di pulizia, recupero e ripristino ambientale (200 euro - dai 18 anni in su - dal 21 al 30 / 8 / 2014).
Sala Biellese, il centro di educazione ambientale realizza percorsi naturalistici e storico-culturali legati alla Resistenza e alla valorizzazione della storia, degli usi e dei costumi locali. I volontari saranno coinvolti nella sistemazione dei sentieri che attraversano i boschi di Sala Biellese, in particolare nelle aree ove si sono svolti eventi legati alla Resistenza partigiana, ripulendole da rovi e sterpaglie; affronteranno il tema delle mafie attraverso letture, film, manifestazioni musicali e incontri con testimoni (250 euro – per ragazzi dai 15 ai 17 anni – 7 al 16 / 7 / 2014).
Nella frazione Raffo di Petralia Soprana (Pa), nel Parco delle Madonie, il campo di volontariato mira a riqualificare un’area semiabbandonata ai margini del fiume Salso, al fine di creare un giardino della memoria intitolato a Epifanio Li Puma, sindacalista ucciso dalla mafia nel 1948, e a tutte le vittime delle mafie. L’area è stata ripulita dai volontari 2 anni fa, l’anno scorso si è iniziato a sistemare il giardino con un piccolo anfiteatro e sentieri. Ora, la creazione del giardino della memoria per le vittime delle mafie prevede attività di pulizia dell’area, realizzazione di staccionate per la messa in sicurezza e panchine, giochi, cartelli. I lavori saranno realizzati insieme alla piccola comunità locale e alla famiglia Li Puma (225 euro – dai 18 anni in su - dal 29 / 7 al 7 / 8 / 2014). 

Tutti i campi di volontariato sono su www.legambiente.it

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: