Al via la conferenza nazionale La Natura dell’Italia

Pubblicato il: 11/12/2013
Autore: Redazione GreenCity

L’obiettivo è quello puntare al rilancio dell’economia italiana ripartendo dall’immenso capitale naturale che caratterizza il nostro Paese, dalle aree protette all’agricoltura, ai prodotti tipici, all’artigianato di qualità.

Il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando apre oggi, mercoledì 11 dicembre, intorno alle ore 10 nell’Aula Magna della Sapienza la Conferenza nazionale “La natura dell’Italia. Biodiversità e aree protette. La Green economy per il rilancio del Paese” organizzata dal ministero dell’Ambiente.
Sarà l’occasione per avviare il più grande e ricco confronto nazionale tra istituzioni, esperti, operatori per conoscere e discutere le politiche per la valorizzazione della biodiversità, l’attuazione degli indirizzi comunitari, le migliori pratiche finora sviluppate. 
L’evento verrà trasmesso in diretta streaming all’indirizzo: http://www2.uniroma1.it/streaming.html.
Dopo il saluto del ministro, è previsto quello del Rettore della Sapienza Luigi Frati. Nel corso della mattinata interverranno poi il capo del Corpo forestale Cesare Patrone, il comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Felicio Angrisano, il direttore generale dell’Iucn Julia Marton-Lefèvre, il co-presidente del comitato Ocse “Biodiversità, acqua ed ecosistemi” Aldo Ravazzi Douvan, il presidente del comitato scientifico della Cms Fernando Spina, il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, il direttore del consorzio A.a.ster. Aldo Bonomi, il direttore dell’Ispra Stefano La Porta e il direttore generale della Direzione protezione natura del ministero dell’Ambiente Renato Grimaldi.
Dalle 14 sono previsti quattro sessioni tematiche: “Professioni verdi, occupazione giovanile e nuova imprenditorialità: il ruolo della formazione nello sviluppo di competenze innovative a sostegno della green economy e dello sviluppo sostenibile dei territori”, coordinata da Domenico Mauriello di Unioncamere; “Aree protette e Rete natura 2000: strumenti per un nuovo sviluppo economico e territoriale del Paese”, coordinata da Luigi Boitani, docente alla Sapienza; “Le infrastrutture verdi e i servizi ecosistemici in Italia come strumento per le politiche ambientali e la green economy: potenzialità, criticità e proposte”, coordinata dal presidente del comitato scientifico della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, Toni Federico; “La ricerca scientifica per la conservazione e la valorizzazione del capitale naturale”, coordinata da Carlo Blasi della Sapienza.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: