Greenpeace rigetta accuse di pirateria da parte di autorità russe

Pubblicato il: 24/09/2013
Autore: Redazione GreenCity

Greenpeace: "Non ci faremo intimidire da queste accuse e chiediamo l’immediato rilascio dei nostri attivisti”.

Poche ore fa le autorità russe hanno pubblicato una dichiarazione sugli attivisti di Greenpeace a bordo della nave Arctic Sunrise. La dichiarazione riporta che il Northwestern Federal District Investigations Directorate ha aperto un’indagine sulla possibilità del reato di pirateria ma – al contrario di quanto riportano i media – non conferma che l’equipaggio sia stato accusato di pirateria. La nave di Greenpeace al momento si trova nelle vicinanze del porto di Murmansk.
Il direttore esecutivo di Greenpeace International Kumi Naidoo risponde cosi alle dichiarazioni delle autorità russe: “Quando i governi del mondo non rispondono agli avvertimenti della scienza sulle conseguenze del cambiamento climatico, nell’Artico e altrove, le proteste pacifiche sono cruciali. Qualsiasi accusa di pirateria contro degli attivisti pacifici non ha alcun valore secondo il diritto internazionale. Non ci faremo intimidire da queste accuse e chiediamo l’immediato rilascio dei nostri attivisti”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: