Al via il 4 aprile #Appenninobiketour, il Giro d’Italia per valorizzare le nostre montagne

Pubblicato il: 19/03/2018
Autore: Redazione GreenCity

Il Ministro galletti: "Un progetto italiano da Nord a Sud sul quale costruiremo i programmi di cicloturismo, di valorizzazione ambientale ed economica".

Cresce l’attesa, a venti giorni dalla partenza, per la seconda edizione di #AppenninoBikeTour, il Giro dell’Italia che non ti aspetti, la pedalata che la scorsa estate ha visto protagoniste centinaia di Istituzioni impegnate a pedalare lungo le strade secondarie della Dorsale portando il drappo tricolore con un obiettivo comune: rilanciare l’Appennino.
Questa volta sarà protagonista il Campione Italiano Ultracyclist Omar Di Felice che percorrerà il Giro in soli undici giorni. Un’impresa estrema, oltre 2.600 chilometri dalla Liguria alla Sicilia, attraverso 14 regioni, 23 province, 296 comuni e 25 parchi nazionali e regionali. Alla partenza, ad Altare, in programma per mercoledì 4 aprile sarà posizionato il primo cartello della Ciclo-Via presso la Bocchetta di Altare il punto di congiunzione tra le Alpi e gli Appennini. Ogni giorno saranno percorse quattro tappe della Ciclo-Via e all’arrivo il Campione sosterà per incontrare le scuole e la cittadinanza. Lungo tutta la Dorsale saranno organizzate dai Comuni delle Conferenze sul tema dello Sviluppo Sostenibile e al tempo stesso il Direttore Vivi Appennino, Enrico Della Torre, il primo a pedalare l’intero percorso nella scorsa edizione del Giro, sarà presente sui territori per incontrare le Istituzioni e presentare il Piano di Sviluppo Sostenibile della Dorsale 2018-20.
Un momento di grande attenzione per tutti i territori dell’Appennino attraversati dal Giro che si coloreranno di bianco e azzurro, i colori del Giro, e all’arrivo di ogni tappa presenteranno le specialità eno-gastronomiche del territorio in occasione dell’Anno del Cibo promosso dal MIBACT.
Un progetto nato dal Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Confcommercio Ascom e Vivi Appennino presentato lo scorso giugno al G7 Ambiente di Bologna e che in breve tempo ha raccolto il sostegno di Istituzioni di tutta Italia andando a definire un Piano di Sviluppo Sostenibile della Dorsale che nel prossimo triennio porterà alla mappatura con cartellonistica del percorso individuato definendo la più grande Ciclo-Via d’Italia lungo le strade secondarie dell’Appennino.
“L’iniziativa è cresciuta oltremisura, molto di più di quanto immaginavo ed ha coinvolto me e i miei collaboratori a Roma – ha commentato il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti in occasione della 3^ Conferenza Organizzativa del Turismo in Appennino -. Stiamo parlando dell’Appennino come Dorsale italiana. Questa è la sfida, e dobbiamo mettere in campo strumenti nuovi. Non basta più solo il Ministero dell’Ambiente, ma vogliamo andare oltre. Dobbiamo individuare due progetti: per il primo abbiamo bisogno di una partnership con il Ministero delle Infrastrutture e per l’altro con il Parlamento. Abbiamo bisogno delle infrastrutture per mettere a posto e rendere visibile il percorso turistico della Dorsale. Dobbiamo lavorare su un progetto italiano che comprenda tutte le Regioni toccate dall’Appennino, che valorizzi un progetto unico nazionale, facendo interventi di manutenzione, che punti su quella strada come pista cicloturistica. Un progetto italiano da Nord a Sud – ha affermato il Ministro - sul quale costruiremo i programmi di cicloturismo, di valorizzazione ambientale ed economica. Una sfida ulteriore sarà quella di riuscire a valorizzarlo con una Legge speciale – ha concluso Galletti - istituendo una Cicloturistica Appenninica che unisca tutti i Comuni. Mi farebbe piacere nascesse da Vivi Appennino Bologna che poi è diventato Vivi Appennino e potrà diventare, in futuro, Vivi Appennino Italia”.

Categorie: Green Life

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: