Energie alternative: Galletti, ottime performance Italia, lì c'è il futuro

Pubblicato il: 29/09/2015
Autore: Redazione GreenCity

Il Ministro inaugura nuovo impianto d’illuminazione della basilica di San Francesco d’Assisi Energie tradizionali ed alternative "devono lavorare insieme".

Dal dibattito "Energie tradizionali, energie alternative" che si è svolto ad Assisi nell’ambito del “Cortile di Francesco” tra il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti e il Direttore della Country Italia di Enel Carlo Tamburi (moderatore il direttore di Panorama Giorgio Mulè) è emerso come le modalità di produzione di energia, da fonti tradizionali o alternative, implichino due distinti paradigmi di sviluppo, necessitando però di "una forte complementarietà”.
Il ministro Galletti ha ricordato cosa il nostro Paese stia facendo per le energie alternative e rinnovabili.
“Come Italia – ha osservato Galletti - abbiamo ottime performance: il 22% del nostro consumo complessivo nel Paese oggi è dato dalle energie rinnovabili. Ci abbiamo investito molto nel tempo, ma molto abbiamo ancora da fare, perché lì c’è il futuro”.
“Abbiamo preso impegni precisi in Ue in vista della Cop21, che si riunirà a Parigi a fine anno per il contrasto ai cambiamenti climatici e tutta l’Europa - ha aggiunto il ministro - ha raggiunto un accordo per arrivare fino al 27% entro il 2030. Credo che l’Italia ce la possa fare”. Il ministro Galletti ha anche partecipato all'inaugurazione del nuovo impianto a LED per l’illuminazione della basilica Superiore di San Francesco.
“Risparmiare energia - ha commentato il ministro - vuol dire emettere meno Co2 e contribuire, sembra impossibile ma non lo è, alla salvaguardia del pianeta. I piccoli gesti come quello fatto oggi sono grandi gesti verso un Pianeta più sostenibile e più sicuro".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: