Samsung Electronics annuncia una nuova strategia per l’ambiente

Pubblicato il: 26/09/2022
Autore: Redazione GreenCity

Tra gli obiettivi c'è lo sviluppo di prodotti efficienti dal punto di vista energetico e delle risorse impiegate, per abilitare i consumatori a uno stile di vita sostenibile.

Samsung Electronics ha annunciato una nuova strategia per l’ambiente, un impegno omnicomprensivo per unirsi agli sforzi globali per far fronte al cambiamento climatico: dall’impegno a raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni di anidride carbonica in tutta l’azienda, ai piani per utilizzare più risorse rinnovabili, fino all’investimento in ricerca di nuove tecnologie per sviluppare prodotti energeticamente efficienti. A questi, si aggiungono l’incremento del riutilizzo di acqua e lo sviluppo di una tecnologia per la cattura delle emissioni di carbonio.
Al centro dell’impegno di Samsung, il raggiungimento delle zero emissioni di carbonio (Scope 1 e Scope 2) per tutte le operations relative alla divisione Device eXperience (DX) entro il 2030 e per tutte le operations a livello globale, compresa la divisione Device Solutions (DS), entro il 2050. DX comprende i business dell’elettronica di consumo, compresi Mobile eXperience, Visual Display, Home Appliances, Sistemi di Rete, Healthcare, mentre la divisione Device Solutions (DS) include Sistemi di Memorie, Sistemi LSI e Foundry. Samsung Electronics si è unita inoltre a RE100, un’iniziativa globale per il raggiungimento del 100% di energia rinnovabile. Come parte dell’impegno, l’azienda sta pianificando di soddisfare con energia rinnovabile il fabbisogno di energia elettrica di tutti i mercati internazionali in cui opera, fuori dalla Corea, entro cinque anni. Il nuovo piano conferma l’impegno già consolidato di Samsung Electronics nei confronti del clima e dell’ambiente, estendendolo ulteriormente anche attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie e il proseguimento di un percorso già avviato da tempo di implementazione di nuove pratiche sostenibili per un futuro migliore per tutti.
“La crisi climatica è una delle sfide più grandi del nostro tempo. Non agire ora porterebbe a delle conseguenze inimmaginabili e per questo dobbiamo agire tutti, imprese e governi inclusi”, afferma Jong-Hee Han, Vice Chairman and CEO of Samsung Electronics, che prosegue “Samsung sta rispondendo ai pericoli del cambiamento climatico con un piano omnicomprensivo che include la riduzione delle emissioni, nuove pratiche di sostenibilità e lo sviluppo di tecnologie innovative e prodotti migliori per il nostro pianeta.” 
Samsung si impegna inoltre a migliorare la circolarità delle risorse lungo l’intero ciclo di vita del prodotto, dal reperimento delle materie prime al riciclo, fino allo smaltimento. Il piano comprende anche il dettaglio degli investimenti in nuove tecnologie per ridurre le emissioni generate dai gas di processo e il consumo di energia da parte dei prodotti. L’azienda prevede un piano per esplorare nuove tecnologie per la cattura del carbonio e affrontare la questione del particolato atmosferico. Per rispondere alla necessità di approcci altamente innovativi per promuovere la sostenibilità ambientale,  Samsung Electronics ha annunciato un investimento di oltre 7 trilioni di KRW in iniziative per l’ambiente entro il 2030, volte alla riduzione dei gas di processo e dei materiali inquinanti, lo stoccaggio dell’acqua e il potenziamento della raccolta di rifiuti elettronici. La cifra dell’investimento esclude i costi connessi al maggior uso di energia rinnovabile.

Net Zero entro il 2050: azzerare le emissioni di CO2 dirette e indirette
Samsung Electronics intende azzerare le emissioni di carbonio entro il 2050, con la divisione DX che raggiungerà l’obiettivo già entro il 2030. L’azienda prevede cioè di ridurre l’equivalente di circa 17 milioni di tonnellate di emissioni di biossido di carbonio (CO2e), basandosi sui dati del 2021. In quest’ottica, Samsung investirà in modo significativo nelle tecnologie innovative per impianti di trattamento in grado di ridurre le emissioni. L’azienda prevede di sviluppare nuove soluzioni per ridurre nettamente i gas di processo, un sottoprodotto della produzione di semiconduttori, e di installare impianti di trattamento nelle sue linee di produzione di semiconduttori entro il 2030.
Samsung Electronics continuerà a espandere le strutture per l’utilizzo del calore di scarto e prenderà in considerazione l’introduzione di fonti di calore elettrico per ridurre l’utilizzo delle caldaie a GNL. Samsung Electronics ha aderito a RE100, in uno sforzo di collaborazione per ridurre le emissioni indirette di carbonio derivanti dal consumo di energia, e punta a soddisfare il fabbisogno di energia elettrica con energia rinnovabile entro il 2050 per tutte le sue operations a livello globale.
Nell’ambito di questa iniziativa, Samsung prevede di utilizzare energia rinnovabile per tutte le attività al di fuori della Corea e per la divisione DX entro cinque anni. I metodi di approvvigionamento di energia rinnovabile dell’azienda comprenderanno, ma non saranno limitati a, la sottoscrizione di contratti di acquisto di energia (PPA), l’acquisto di certificati di energia rinnovabile e la partecipazione a programmi di tariffe verdi. L’obiettivo di abbinare l’utilizzo di energia elettrica alle energie rinnovabili è fissato al 2022 per l’Asia sud-occidentale e il Vietnam, al 2025 per l’America Centrale e Latina e al 2027 per il Sud-est asiatico, la CSI e l’Africa. Negli Stati Uniti, in Cina e in Europa, che hanno già integrato l’utilizzo di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili, Samsung Electronics prevede di espandere gli accordi di acquisto di energia rinnovabile (PPA).
RE100 cita la Corea, dove hanno sede molti degli impianti di produzione di Samsung Electronics, come uno dei Paesi più difficili per l’approvvigionamento di energia rinnovabile. Ciò è dovuto in parte al mercato delle energie rinnovabili del Paese, dove le opzioni di approvvigionamento per le aziende hanno iniziato ad espandersi ma rimangono limitate. Inoltre, il fabbisogno di energia elettrica degli impianti di produzione di semiconduttori ha continuato ad aumentare con l’espansione della capacità produttiva di Samsung Electronics volta a soddisfare la domanda globale. Tuttavia, l’azienda punterà a un utilizzo più proattivo delle energie rinnovabili, riconoscendo l’urgenza delle sfide climatiche odierne. L’azienda rafforzerà inoltre la collaborazione con diversi stakeholder, tra cui i concorrenti dell’industria tecnologica, le organizzazioni internazionali e le ONG.

Massimizzare la circolarità delle risorse nell’intero ciclo di vita del prodotto
Samsung Electronics raddoppierà gli sforzi per migliorare la circolarità delle risorse dei device elettronici lungo il loro intero ciclo di vita, dall’approvvigionamento delle materie prime allo smaltimento e al riciclo, facendo sì che ogni risorsa venga utilizzata con il minor impatto possibile sull’ambiente. Il processo inizia con la rivalutazione dell’uso delle risorse naturali nello sviluppo dei prodotti.
Samsung Electronics ha creato un nuovo Circular Economy Lab per condurre una ricerca completa sulle tecnologie di riciclo dei materiali e sui processi di estrazione delle risorse dai rifiuti, con l’obiettivo di applicare queste tecnologie per massimizzare la circolarità delle risorse. Inoltre, l’azienda prevede di istituire un sistema entro il 2030 in cui i minerali estratti da tutte le batterie usate possano essere riutilizzati. Sempre entro il 2030, il 50% della plastica utilizzata nei prodotti incorporerà resina riciclata. Nel 2050 questa percentuale raggiungerà il 100%. Il Galaxy Z Fold4 è già stato progettato per incorporare plastica riciclata da reti da pesca dismesse, e il successo riscontrato sarà presto esteso ad altri prodotti. Per affrontare il tema della sostenibilità nello smaltimento dei device usati, Samsung Electronics ha in programma di espandere la portata del suo sistema di raccolta dei rifiuti elettronici da circa 50 Paesi a circa 180 nazioni entro il 2030. In questo modo, l’azienda prevede di raccogliere 10 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici tra il 2009 e il 2030, l’obiettivo più alto del settore, e 25 milioni di tonnellate entro il 2050. Samsung Electronics promuoverà inoltre attivamente un programma di upcycling che raccoglie gli smartphone usati e li riutilizza per altri scopi, come i dispositivi IoT (Internet of Things).

Misure di tutela delle risorse idriche e di trattamento degli inquinanti
Samsung intende inoltre massimizzare l’efficienza delle risorse idriche. Con l’espansione della capacità produttiva nazionale di semiconduttori, si prevede che il fabbisogno giornaliero di acqua delle attività di Samsung Electronics in Corea raddoppierà rispetto ai livelli attuali entro il 2030. Tuttavia, l’azienda si impegna a ottimizzare il riutilizzo delle risorse idriche, mantenendo così i quantitativi effettivi delle risorse idriche utilizzate ai livelli del 2021. Per la Divisione DX, l’azienda prevede di promuovere il riutilizzo delle risorse idriche migliorando gli impianti di depurazione e di restituire, entro il 2030, la stessa quantità di acqua utilizzata attraverso progetti di ripristino delle risorse idriche, come il miglioramento della qualità dell’acqua e il risanamento dei corsi d’acqua.
Contemporaneamente, la divisione DS mira ad applicare nuove tecnologie che rimuovano gli agenti inquinanti dell’aria e dell’acqua emessi durante il processo di produzione dei semiconduttori e li sottopongano a trattamenti prima di essere smaltiti, in modo da garantire che il loro impatto sull’ambiente sia quasi nullo a partire dal 2040.A livello aziendale, Samsung Electronics intende ottenere la certificazione Zero Waste to Landfill di livello platino, rilasciata dall’organizzazione globale di certificazione della sicurezza Underwriters Laboratories (UL), per tutte le attività globali entro il 2025.

Investimenti e sviluppo di tecnologie innovative per un futuro sostenibile
Samsung Electronics intende applicare le tecnologie di punta dell’azienda per affrontare le sfide climatiche globali. In particolare, l’azienda si concentrerà sullo sviluppo di tecnologie per la cattura e lo stoccaggio del  carbonio per ridurre le emissioni di anidride carbonica e di tecnologie per la depurazione dell’aria per ridurre il particolato, divenuto una sfida ambientale a livello mondiale. Il Carbon Capture Research Institute è stato istituito all’interno del Samsung Advanced Institute of Technology (SAIT) nel settembre 2021, il primo del suo genere nell’industria dei semiconduttori. Obiettivo principale dell’Istituto è sviluppare e commercializzare tecnologie di raccolta e stoccaggio del carbonio che consentano di immagazzinare il carbonio scaricato dai siti industriali di produzione di semiconduttori e di trasformarlo in una risorsa utile.
Le tecnologie sviluppate dall’Istituto saranno applicate inizialmente alle filiere di produzione dei semiconduttori dopo il 2030 e successivamente ad altri settori dell’azienda e ai suoi fornitori. L’azienda svilupperà anche tecnologie per la pulizia dell’aria, tra cui nuovi sistemi di filtraggio, per ridurre il particolato e prevede di diffonderne l’uso nelle comunità locali a partire dal 2030. Inoltre, Samsung Electronics ha in programma di identificare e investire in startup che sostengono tecnologie verdi innovative. L’azienda si impegna anche a promuovere idee e a supportare progetti che affrontano il cambiamento climatico mediante C-Lab, il proprio programma di incubazione di imprese e di accelerazione di start-up esterne.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: