WWF: Torna in libertà Edna, giovanissima e rara Aquila di Bonelli

Pubblicato il: 06/04/2022
Autore: Redazione GreenCity

Era stata recuperata nel ragusano a seguito di un’incursione in un pollaio.

Domenica 3 aprile, in un luogo sicuro e idoneo della piana di Gela, l’aquila Edna ha riconquistato la libertà. Il rapace, in perfette condizioni di salute e molto vitale, aveva trascorso qualche giorno presso il Centro Recupero Animali Selvatici di Messina, dove il personale dell'Associazione MAN ha precauzionalmente verificato il suo stato di salute, sottoponendolo ad alcuni accertamenti clinici.
L’aquila di Bonelli era stata trasferita al CRAS per iniziativa del Servizio 15 per il Territorio di Ragusa-Ripartizione Faunistico Venatoria e prelevata da due ispettori della Polizia Provinciale di Ragusa nel pollaio di un’azienda agricola dove aveva fatto incursione ed era stata notata dal proprietario, che si era immediatamente attivato per il recupero in sicurezza dell’animale.
Edna, nata in provincia di Agrigento nella primavera 2021, era stata dotata di trasmettitore satellitare dall'equipe mista italo spagnola del progetto LIFE ConRaSi, di cui il WWF Italia è capofila. I tecnici del progetto, in base ai tracciati degli spostamenti dell'esemplare dei mesi precedenti, ha scelto la località e quindi provveduto al suo rilascio.
Il progetto Life ConRaSi, finanziato dalla Commissione Europea dal 2016 al 2021, si è concluso a ottobre scorso. L'Aquila di Bonelli ha un’unica popolazione vitale in Italia, che è concentrata in Sicilia. Minacciata in tutto il suo areale da cambiamenti ambientali, elettrocuzione e abbattimenti, nell’Isola, era purtroppo soggetta anche al prelievo dei pulcini e delle uova al nido da parte di bracconieri senza scrupoli, che dopo aver sottratto i piccoli li rivendevano inserendoli nei circuiti illegali della falconeria e del collezionismo. Grazie alle azioni di monitoraggio e sorveglianza della popolazione condotti dall'equipe del progetto LIFE e coordinati dal WWF Italia, grazie anche alla collaborazione del Gruppo Tutela Rapaci, delle Guardie Volontarie WWF e alle attività investigative ed operative dei Carabinieri Forestali, la popolazione siciliana dell’aquila è adesso quasi raddoppiata, mostrando degli incredibili segni di ripresa che fanno ben sperare in una permanenza stabile e duratura.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: