Spagna, l'ecoturismo motore di sviluppo

Pubblicato il: 05/10/2020
Autore: Redazione GreenCity

Le principali destinazioni ecoturistiche spagnole sono nelle zone naturali della Spagna rurale. Nel 2019, 289 strutture ricettive hanno ricevuto 781.654 ospiti.

Secondo l'International Ecotourism Association (TIES), l'ecoturismo sta diventando sempre più popolare, insieme al turismo naturalistico. Ad oggi rappresenta il 20% del turismo mondiale e il 7% della spesa totale per viaggi turistici internazionali.
In Spagna il numero di visitatori in destinazioni naturali (aree protette come parchi nazionali, parchi naturali, geoparchi, riserve della biosfera, Nature Trail 2000, ecc.) ha accolto oltre 31 milioni di visitatori nel 2018. La maggior parte di queste si trova in aree rurali, molti in aree della Spagna conosciute come la Spagna vuota, ossia aree spopolate dove l'ecoturismo offre opportunità di sviluppo sociale ed economico.
In generale “l’ecoturista” conosce l'area che visita e in molti casi il 64% degli intervistati ha scelto la propria destinazione su consiglio di amici e familiari. Ci sono circa 27 aree in Spagna con 400 aziende turistiche certificate secondo la Carta Europea Per il Turismo Sostenibile. Ci sono oltre 1.500 aziende nell'Associazione spagnola di ecoturismo.
Il profilo dell'ecoturista ha un'età compresa tra i 39 ei 65 anni, ha un livello di istruzione elevato, un reddito medio-alto e viaggia almeno una volta all'anno verso destinazioni ecoturistiche. Non sono necessariamente specialisti e viaggiano per visitare paesaggi e villaggi. Le aree di particolare interesse includono Castiglia-La Mancia, La Gomera nelle Isole Canarie, Catalogna (Costa Brava ed entroterra), Andalusia, Asturie e Pirenei.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Canali Social: