Da villa della mafia a orto didattico col crowdfunding Bicocca

Pubblicato il: 16/04/2020
Autore: Redazione GreenCity

È l'obiettivo del progetto "Un bene da coltivare" selezionato nell'ambito della seconda edizione di Bicocca Università del Crowdfunding. La raccolta fondi parte oggi su Produzioni dal Basso e avrà il sostegno di Fondazione di Comunità Milano.

Un orto didattico e comunitario nel giardino di una villa confiscata a un narcotrafficante della mafia. È l'obiettivo di "Un bene da coltivare", progetto selezionato nell'ambito della seconda edizione dell'Università del Crowdfundingil programma di finanza alternativa dell'Università di Milano-Bicocca, promosso per consentire a studenti, ex studenti, docenti, ricercatori, dottorandi e dipendenti dell'Ateneo di realizzare progetti innovativi e idee imprenditoriali attraverso campagne di raccolta fondi sulla piattaforma Produzioni dal Basso - prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation.
La campagna di crowdfunding servirà per trasformare la villa che si trova a Rozzano in un vero e proprio percorso didattico e dimostrativo: 12 aiuole di circa 8 metri quadri l'una, una piccola serra utile per la crescita dei germogli e una lombricaia che servirà per la produzione del compost, più una mappa orientativa e pannelli esplicativi che accoglieranno i visitatori. Ultimati i lavori, sarà offerto alla cittadinanza un corso di formazione gratuito della durata di 16 ore. Villa e giardino saranno anche aperti una domenica al mese per circa 100 famiglie e ospiteranno attività per le scuole.
Il gruppo che ha sviluppato questa iniziativa è guidato da Mara Heidempergher, studentessa del corso intensivo per educatori socio-pedagogici dell'Università di Milano-Bicocca, e composto da dieci persone: «Puntiamo a realizzare un orto didattico e comunitario – dice Mara – all'interno di una villa confiscata alla 'ndrangheta a Rozzano, a sud di Milano».
La proprietà consiste in un edificio di oltre 350 metri quadrati su due piani con un giardino di 1.500 metri quadrati, una grande fontana abbandonata, un piccolo anfiteatro in cemento, fioriere tonde e statue alte un metro e mezzo. La villa apparteneva a un narcotrafficante che trasportava droga dal Sudamerica in Lombardia ed era stata confiscata definitivamente nel 2008. Attualmente è di proprietà del Comune di Rozzano e dal 2018 è oggetto di un processo di riqualificazione partecipata a cura del Comitato Molise 5, grazie ad un patto di collaborazione con l'Amministrazione comunale. Il comitato civico prende il nome dall'indirizzo della villa e ne fanno parte anche la studentessa e i componenti del suo team.Dopo più di dieci anni di abbandono e degrado, la villa sta lentamente rinascendo come laboratorio di partecipazione e spazio rivolto all'educazione alla legalità, con un forte valore sociale, sede di spettacoli, concerti, mostre, dibattiti, feste, corsi e laboratori autogestiti. «Ora, grazie al programma Bicocca Università del Crowdfunding, vogliamo trasformare l'attuale piccolo orto presente nel giardino della villa – continua Mara – in un orto didattico e comunitario esteso per circa 150 metri quadrati di terreno, nella parte a nord del giardino, che risulta particolarmente degradata. Per poi sviluppare un percorso di sostenibilità ambientale e alimentare basato sui valori di legalità e lotta alla mafia da condividere con il maggior numero di persone e famiglie».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: