Coronavirus, in 2,7 mln chiedono aiuto per mangiare

Pubblicato il: 30/03/2020
Autore: Redazione GreenCity

Coldiretti: "Le maggiori difficoltà si registrano nel mezzogiorno ma situazione diffuse di bisogno alimentare si rilevano anche nel Lazio e nella Lombardia".

"Con l’emergenza Coronavirus e la perdita di opportunità di lavoro anche occasionale si aggrava la situazione e aumenta il numero dei 2,7 milioni di persone che in Italia sono costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare nelle mense o soprattutto con la distribuzione di pacchi alimentari". E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui crescenti problemi di ordine pubblico provocati dalle difficoltà economiche ed occupazionali causate dall’emergenza coronavirus.
Ad essere in difficoltà – sottolinea la Coldiretti – sono tra le categorie più deboli quasi 113mila senza fissa dimora, oltre 225mila anziani sopra i 65 anni, e 455mila bambini di età inferiore ai 15 anni che ricevono aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea) sulla base del rapporto presentato nel giugno 2019.
Le maggiori difficoltà – continua la Coldiretti – si registrano nel mezzogiorno con il 20% degli indigenti che si trova in Campania, il 14% in Calabria e l’11% in Sicilia ma situazione diffuse di bisogno alimentare si rilevano anche nel Lazio (9%) e nella Lombardia dove più duramente ha colpito l’emergenza sanitaria.
“In questo contesto abbiamo ottenuto nel Cura Italia l’aumento di 50 milioni del fondo per l’aiuto agli indigenti per affrontare una situazione che diventa ogni giorno più preoccupante” afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “ad essere offerti dovranno essere prodotti di qualità dell’agroalimentare rigorosamente Made in Italy”, come sostenuto dalla campagna #mangiaItaliano”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: