▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Copernicus: il fumo degli incendi boschivi canadesi ha raggiunto l'Europa

Pubblicato il: 29/06/2023
Autore: Redazione GreenCity
Dall'inizio del mese di maggio, diverse regioni del Canada sono state colpite da gravi incendi selvaggi, che si sono propagati tra la Columbia Britannica, l'Alberta, il Saskatchewan e i Territori del Nord-Ovest, nel Canada occidentale, e verso l'Ontario, il Québec e la Nuova Scozia, nel Canada orientale.
A seguito di condizioni insolitamente secche e di temperature elevate, dall'inizio del mese di maggio in Canada si sono verificati diversi incendi boschivi. Sono divampati nella parte occidentale del Paese, ma si sono poi estesi alle regioni orientali, causando un totale di circa 160 megatonnellate di emissioni di carbonio, che sono ora le più alte emissioni totali annue stimate per il Canada in base ai dati del CAMS (Copernicus Atmosphere Monitoring Service)  Global Fire Assimilation System (GFAS) che coprono il periodo che va dal 2003 a oggi.
Verso la fine della scorsa settimana, precisamente il 21 e il 22 giugno, un ulteriore aumento dell'intensità degli incendi in Quebec e Ontario ha fatto sì che le previsioni globali del CAMS mostrassero un episodio particolarmente forte di trasporto di fumo a lungo raggio che ha attraversato l'Atlantico settentrionale e ha raggiunto l'Europa, con valori elevati di profondità ottica dell'aerosol e monossido di carbonio, tra il 26 e il 29 giugno. È importante notare che i trasporti di fumo a lungo raggio, come questo episodio, tendono a verificarsi ad altitudini più elevate, dove la vita atmosferica degli inquinanti atmosferici è più lunga, il che significa che si manifestano maggiormente come cieli nebulosi con tramonti rossi/arancioni. Pertanto, non si prevede che il trasporto di fumo ipotizzato abbia un impatto significativo sulla qualità dell'aria in superficie. Le previsioni del CAMS sulle concentrazioni di particolato (PM2,5 e PM10) in superficie, che potrebbero aggiungersi alle fonti locali di inquinamento atmosferico, vengono monitorate attentamente in caso di cambiamenti. 
Mark Parrington, Senior Scientist CAMS, ha commentato: "Il nostro monitoraggio dell'entità e della persistenza delle emissioni degli incendi boschivi in Canada dall'inizio del mese di maggio ha mostrato quanto sia stato insolito, se confrontato con i due decenni del nostro set di dati. Il trasporto a lungo raggio del fumo che stiamo monitorando non è insolito e non si prevede che abbia un impatto significativo sulla qualità dell'aria in superficie in Europa, ma il fatto che i valori così elevati della profondità ottica dell'aerosol e degli altri inquinanti associati al pennacchio di fumo siano così alti quando raggiungono questo lato dell'Atlantico, è un chiaro riflesso dell'intensità degli incendi."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag: Green life

Canali Social: