L'Arca del Gusto di Slow Food raggiunge quota 5000 prodotti

Pubblicato il: 08/02/2019
Autore: Redazione GreenCity

A tagliare il traguardo il miele dei Gourmantché della regione di Tapoa in Burkina Faso.

È il miele di Tapoa, prodotto nell'omonima regione orientale del Burkina Faso dalla popolazione indigena Gourmantché, il prodotto con cui Slow Food raggiunge quota 5000 passeggeri sull'Arca del Gusto, il grande catalogo on line che permette alla chiocciola di viaggiare in tutto il mondo raccogliendo le segnalazioni di varietà vegetali e razze animali locali, ma anche pani, formaggi, dolci e conserve artigianali che appartengono alla cultura, alla storia e alle tradizioni di tutto il pianeta. 
I prodotti dell'Arca sono il simbolo della biodiversità che Slow Food protegge ogni giorno attraverso la propria rete di soci e attivisti, di contadini, pescatori e raccoglitori di prodotti spontanei delle comunità di Terra Madre, di esperti e ricercatori che prestano le proprie competenze per difenderli dagli elementi che ne minacciano la sopravvivenza.
Il rischio di estinzione è dovuto a molteplici cause: in primo luogo l'affermarsi di un modello agricolo e produttivo industrializzato e standardizzato che ha incoraggiato i produttori ad abbandonare l'allevamento di razze animali locali e la coltivazione di varietà meno produttive. I cambiamenti climatici, che stanno minacciando la sopravvivenza di molti habitat e quindi delle specie che li abitano. L'urbanizzazione, i conflitti e le migrazioni – che hanno causato lo spopolamento di intere aree rurali – hanno portato alla perdita di saperi agricoli e artigianali. A volte norme igienico-sanitarie troppo rigide hanno stravolto le pratiche produttive, rendendo spesso anonimi i prodotti. In ultimo, l'omologazione del gusto, favorita soprattutto dall'affermarsi di nuove abitudini alimentari, sta scalzando molte tradizioni gastronomiche locali.
È così anche per questo miele, un prodotto particolarmente identitario e importante nell'alimentazione locale della regione di Tapoa, che rischia di scomparire dal mercato anche a causa dei rischi legati alla presenza del terrorismo fondamentalista, che si sta impadronendo della parte orientale del Burkina Faso, mettendo in grave difficoltà gli scambi con la regione. I crescenti pericoli legati alla radicalizzazione del paese stanno rallentando anche i progetti che vedono all'opera l'Ong ACRA, che da anni collabora con Slow Food e che ha avviato sul miele di Tapoa un progetto di valorizzazione.
Attualmente, grazie ai contributi delle Fondazioni For Africa Burkina Faso e dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), gli apicoltori locali sono stati riuniti nell'Unione dei produttori di miele della Tapoa, che gestisce una mieleria a Diapaga, capoluogo della provincia, garantendo una commercializzazione del miele equa per i produttori e di qualità per i consumatori.
Il miele è un prodotto fondamentale nella cultura Gourmantché: utilizzato in tutte le feste che scandiscono la vita degli abitanti, fa parte dei riti religiosi e animisti ed è ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale.In cucina viene impiegato nelle preparazioni classiche come la boulli, una miscela a base di cereali, e nell'eau blanche la tipica bevanda di benvenuto, analcolica, che viene offerta all'arrivo degli ospiti, oppure neldolo-miel, una bevanda fermentata a base di miglio, farina di baobab e miele.
La presenza dell'apis mellifera adansonii in una zona arida di savane, consente di bottinare un'ampia varietà di essenze, ottenendo un ottimo millefiori e profumatissimi monovarietali, tra cui il miele di karitè, di tamarindo e della rara daniellia oliveri.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: