Abitazioni intelligenti: al via il progetto ACER e Schneider Electric

Pubblicato il: 27/02/2015
Autore: Redazione GreenCity

L'esempio concreto di ricadute sociali ed economiche nato da un progetto ACER e Schneider Electric per l'efficienza energetica in alloggi di edilizia residenziale pubblica.

ACER Reggio Emilia, l'Azienda Casa Emilia-Romagna della provincia emiliana e Schneider Electric hanno avviato una sperimentazione in linea con quanto definito dal decreto legislativo 102 circa l'obbligo della contabilizzazione e della  termoregolazione negli edifici con riscaldamento centralizzato. Il progetto riguarda l'aggiornamento dell'impianto di termoregolazione all'interno di un condominio di edilizia popolare gestito da ACER, composto da 6 appartamenti singoli, in cui Schneider Electric ha provveduto ad installare un sistema wireless composto da valvole termostatiche digitali su ciascun radiatore, smart plug per il controllo e la misurazione di due carichi elettrici, e un pulsante all'ingresso dell'appartamento che consente la selezione di due scenari principali, "entro in casa" ed "esco di casa", che definiscono un livello di comfort e uno di risparmio energetico. 
"Si tratta di un'installazione che supera quanto previsto dalla norma e che si pone l'obiettivo di massimizzare i risparmi energetici ottenibili con quanto previsto dal decreto legislativo in oggetto. Wiser, che utilizza una tecnologia senza fili, riduce significativamente il tempo di installazione a poco più di un'ora ad appartamento, evitando al tempo stesso qualsiasi opera invasiva," precisa Maurizio Arena, responsabile dei sistemi di Home Automation di Schneider Electric. 
Raggiungibile anche dall'esterno, attraverso smartphone e tablet, o per chi non ha dimestichezza con questi dispositivi, più semplicemente da un "pulsante –scenari" opportunamente posizionato all'interno dell'unità abitativa, Wiser, consente di gestire la propria abitazione in modo semplice e intuitivo. In tal modo, ridurre la temperatura e disattivare i carichi elettrici non prioritari quando si esce di casa sarà un operazione automatica, che permetterà di ottenere all'utente finale il massimo risparmio economico. "La riduzione dei costi dell'abitare risponde alle necessità delle famiglie che oggi hanno difficoltà a sostenere in particolare i costi delle bollette energetiche. Dalla sperimentazione di queste nuove tecnologie attendiamo risparmi variabili tra il 10% e il 20% che rappresentano un sicuro vantaggio rapportato al costo di investimento iniziale. La gestione intelligente degli impianti passa attraverso la consapevolezza dei consumi energetici e il comportamento virtuoso degli abitanti, i quali potranno ottenere una notevole riduzione degli sprechi. Per questo la nostra Azienda è impegnata nella formazione all'uso consapevole delle risorse, in linea con la Direttiva comunitaria 27 del 2012 recepita dal nostro Paese col decreto 102". Ha commentato Marco Corradi, Presidente di ACER e Coordinatore di tutte le Acer della regione Emilia Romagna.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Casa

Tag:

Canali Social: