A Matera i nascono i casali hi-tech a impatto zero

Pubblicato il: 10/04/2020
Autore: Redazione GreenCity

Ogni residenza, sarà dotata di impianti di raffrescamento, ventilazione, produzione di acqua calda sanitaria ed elettricità a consumo prossimo allo zero.

Realizzare dei casali innovativi, con un’anima moderna, hi-tech ed eco-sostenibile, in sintonia con le tendenze di comfort e di benessere odierni, nel cuore di Matera: è questo l’obiettivo alla base del progetto Lusseri. 
I primi sei casali hi-tech e super green in Europa sono già in costruzione, in zona Aia del Cavallo, con lo stile tipico dei casali di una volta, punti di riferimento nella civiltà contadina e fulcro della crescita territoriale, ma attualizzati in chiave tecnologica e a impatto zero al cento per cento, tanto da ottenere il protocollo di certificazione EcO. 
Le abitazioni di lusso sono edifici “nZeB” (che sta per nearly Zero Energy Building), ad altissima prestazione, che riducono il più possibile i consumi e l’impatto nocivo sull’ambiente.  
Edil Pepe, l’azienda che ha dato vita a Lusseri, è ideatrice di un sistema collaudato per progettare, implementare e mantenere nel tempo l’eccellenza nel campo dell’edilizia, garantendo comfort e benessere alle unità abitative. Nello specifico, il sistema coperto da brevetto è denominato BeS (Benessere e Salute).
Il casale di Lusseri è caratterizzato dalla presenza di piscina, palestra, SPA, sauna, sottolineando quindi una forte attenzione al benessere fisico e mentale.
 
In alternativa alla piscina tradizionale, si può optare per una biopiscina, composta da pietra e sabbia, per riprodurre verosimilmente il fondale marino. La particolarità di questo specchio d’acqua artificiale deriva dalla mancanza di un impianto di depurazione che sfrutta agenti chimici come avviene con le classiche piscine. La depurazione delle acque, infatti, si verifica grazie a particolari piante acquatiche, senza bisogno di additivi chimici come cloro o ozono. 
Ogni abitazione si svilupperà su 3 livelli, i collegamenti verticali saranno garantiti da ascensori, il giardino si estende dai 600 agli 800 metri quadri e l’edificio sarà notevolmente integrato con impianti di energia rinnovabile, nello specifico fotovoltaico e pompa di calore. La progettazione del verde dei sei casali si rifà al concetto della villa romana, un edificio a uso abitativo con un’area pertinente in cui viene favorita la colonizzazione floristica in modo da attutire l’impatto della costruzione sull’ambiente circostante. 
Infine, ogni casale possiede uno spazio esterno a partire da 700mq fino a oltre 1000mq e consente anche l’utilizzo di una piscina a uso privato di 8x4 dotata di sistema di riscaldamento dell’acqua anche nei periodi invernali. Tutto il fabbisogno energetico è coperto da sorgenti di energia rinnovabile come l’impianto fotovoltaico presente sul tetto che permette di azzerare i costi delle bollette elettriche.  
Gli impianti di domotica di cui gode ogni casale permettono di controllare e gestire gli spazi domestici con grande semplicità, attraverso l’utilizzo di un dispositivo touch che gestisce il flusso di informazioni e in ogni momento, anche da remoto, utilizzando un qualsiasi dispositivo mobile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Casa

Tag:

Canali Social: