Divieto Ogm, Greenpeace: atto dovuto in difesa ambiente, agricoltura e cittadini

Pubblicato il: 26/01/2015
Autore: Redazione GreenCity

Greenpeace: "L'agricoltura italiana, può e deve fare a meno degli Ogm".

Commentando la firma del decreto che proroga per ulteriori diciotto mesi il divieto di coltivazione di mais Ogm MON810 sul territorio italiano – decreto firmato congiuntamente dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, dal ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, e dal ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti - Federica Ferrario, responsabile della campagna Agricoltura sostenibile di Greenpeace, dichiara: «Greenpeace plaude alla tempestiva decisione dei ministri Lorenzin, Martina e Galletti di prorogare il divieto di coltivazione del mais OGM MON810. È sventato il tentativo delle multinazionali di imporre in Italia, Paese che ospiterà Expo 2015, la forzosa coltivazione di OGM. Un atto dovuto, per proteggere ambiente, agricoltura e cittadini».
«Si può fare ricerca, sviluppo e innovazione senza gli OGM: speriamo che su questo punto l'Italia mantenga con forza la sua posizione, in difesa dell'agroalimentare Made in Italy, dei consumatori e dei contadini che non vogliono diventare ostaggio delle sementi transgeniche», conclude Ferrario.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: