Emilia Romagna e Lombardia le regioni più vegan d'Italia, la Toscana la più vegetariana

Pubblicato il: 28/10/2020
Autore: Redazione GreenCity

Secondo uno studio di Everli, in Italia sale del 14% su base annua la spesa di prodotti vegani e vegetariani: si tratta per la maggior parte di secondi piatti, acquistati soprattutto a gennaio 2020. Il tofu è il prodotto vegano più acquistato dagli italiani, mentre i vegetariani preferiscono i burger vegetali.

Sono sempre di più gli italiani che, per motivazioni diverse, escludono dalla propria tavola carne, pesce o alimenti di origine animale (quasi il 9% nel 2020 e con un aumento del 25% rispetto all'anno precedente): lo confermano anche i dati di Everli - il marketplace della spesa online - che ha preso in esame gli ordini effettuati sul sito e via app nell'ultimo anno e ha rilevato quest'anno un aumento del 14% per quanto riguarda l'acquisito di prodotti vegetariani e vegani rispetto allo stesso periodo 2019.
Osservando la distribuzione a livello geografico degli acquisti, nelle regioni a nord della Penisola si riscontra un'alta concentrazione di carrelli rigorosamente vegani, con un picco importante soprattutto in Pianura Padana, mentre la dieta vegetariana caratterizza l'intero Stivale con una maggior concentrazione soprattutto al centro nord.
Guardando invece alla stagionalità, in base alle rilevazioni di Everli, gli italiani hanno iniziato con largo anticipo a seguire un'alimentazione a base vegetale: complici anche gli sgarri del periodo natalizio, infatti, a gennaio di quest'anno si è registrato il picco di spesa per l'acquisto di questi prodotti che ha riguardato soprattutto i secondi piatti. I cibi e alimenti che rientrano invece nella categoria dei condimenti, sono stati acquistati per la maggior parte in primavera, mentre il boom di spesa per i primi piatti è stato registrato tra settembre e dicembre.
Nella top 10 dei cibi vegan più acquistati in Italia, tra un trionfo di condimenti e secondi piatti, il tofu - grande classico della cugina veg- si aggiudica il primo posto davanti a hummus (2° posto) e burger e mini burger vegetali (3° posto). All'ultimo posto in classifica si posiziona invece il tempeh, altro famoso alimento asiatico che caratterizza questa alimentazione. Inversione di tendenza per i vegetariani dello Stivale che inseriscono in classifica prevalentemente primi e secondi piatti e considerano i burger vegetali un must have irrinunciabile sulle loro tavole. Completano il podio le cotolette vegetariane (2°) e i libanesi falafel (3°), mentre la top 5 si chiude con un primo piatto italianissimo, le lasagne – vegetariane – rigorosamente al ragù (5°).
Guardando nel dettaglio i dati raccolti da Everli e confrontando gli ordini effettuati online, da nord a sud della Penisola emergono interessanti curiosità sui gusti e le abitudini degli italiani. L'Emilia Romagna e la Lombardia si aggiudicano il primo posto come regioni più vegan d'Italia, con tre città ciascuna nella top 10 delle città italiane con il maggior numero di ordini online di questa categoria: Bologna in vetta, Milano al terzo posto e Pavia un gradino sotto al podio, seguite da Bergamo (6°), Modena (7°) e Parma (9°).I vegetariani dello Stivale si concentrano soprattutto in Toscana. Tra le 10 province che nell'ultimo anno hanno registrato il maggior numero di ordini di questi prodotti spiccano infatti ben tre province toscane: Firenze, Livorno e Pisa, che popolano seconda parte della classifica, rispettivamente al sesto, settimo e ottavo posto.



Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: