L’evoluzione della bicicletta: dalla bici senza pedali alle moderne e-bike

Pubblicato il: 30/06/2017
Autore: Redazione GreenCity

La bicicletta ha compiuto 200 anni e ne ha fatta di strada. Un viaggio che parte con i primi prototipi e arriva fino ai moderni mezzi a pedalata assistita equipaggiati con Shimano STEPS.

La bicicletta, il mezzo più ecologico e salutare, ha compiuto 200 anni. Anche se non si conosce con precisione il giorno, è certo infatti che il barone tedesco Karl von Drais ha presentato per la prima volta il suo mezzo, chiamato “Laufmachine”, ovvero macchina per correre, nel giugno del 1817.
In questi due secoli la bicicletta ne ha fatta di strada, in tutti i sensi, e oggi siamo arrivati alle moderne e-bike, come quelle equipaggiate con tecnologia Shimano STEPS.
Il primo prototipo era un veicolo rudimentale a due ruote allineate, di cui la prima sterzante, che non aveva però né pedali né freni, e per interrompere la corsa era necessario intervenire con i piedi. Bisognerà aspettare più di quarant’anni per l’aggiunta dei pedali. La grande novità arriva infatti nel 1861, quando in Francia nasce il velocipede. A inizio novecento, la bicicletta si afferma definitivamente come mezzo di trasporto, inizialmente riservato alle fasce più povere della popolazione. Parallelamente però, si sviluppa anche il ciclismo come sport e attività ricreativa: nel 1903 nasce il Tour de France, la prima corsa a tappe della storia, seguita nel 1909 dal Giro d’Italia.
Nel ‘900 le innovazioni e i progressi tecnologici si rincorrono alla ricerca della massima sicurezza e del piacere della guida. Arrivando quasi ai giorni nostri, una svolta storica è segnata dal 1981, con l’immissione sul mercato della mountain bike, pensata appositamente per viaggiare fuoristrada.  Il nuovo millennio, infine, è l’era della bicicletta a pedalata assistita. Un trend che si è affermato con forza anche nel Bel Paese, dove il mercato continua a registrare una crescita decisa e costante.  
Del resto, l’idea di un mezzo che non sfruttasse esclusivamente le spinte del conducente non è nuova: già a fine ‘800 si progettavano velocipedi a vapore. Oggi invece ci sono le e-bike, come quelle equipaggiate con i componenti di Shimano, il brand giapponese di componentistica e tecnologia per biciclette più noto al mondo.
Grazie a Shimano STEPS, l’azienda permette a chiunque, di qualsiasi età e con capacità fisiche diverse, di andare in bici divertendosi e senza affaticarsi troppo. Shimano STEPS, infatti, trasforma la bici in un sistema a marce automatico che si adatta al tipo di percorso e alla pedalata.
City, Trekking o MTB, sono molte le biciclette equipaggiate con Shimano STEPS. A tutti coloro che amano andare in bicicletta, trovarsi all’aria aperta e mettere in primo piano uno stile di vita sano, a coloro che si recano al lavoro, percorrono lunghe distanze o esplorano la natura, SHIMANO STEPS darà quella spinta in più per pedalare senza sudore e fatica.
Pedalare con Shimano STEPS è assolutamente in linea con quanto avviene con una tradizionale bicicletta: la differenza è che i ciclisti del nostro tempo possono ora scegliere quale e quanta assistenza ricevere dall’unità motrice quando spingono sui pedali.

Categorie: Mobilità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: