Reggia di Versailles sempre più green grazie a Renault

Pubblicato il: 01/08/2013
Autore: redazione GreenCity

Renault e la reggia di Versailles hanno deciso di sviluppare un rapporto di collaborazione per tutelare il patrimonio ambientale dei giardini, il comfort e la sicurezza dei 12 milioni di visitatori l’anno.

In occasione dell’anno di Le Nôtre, che celebra il 400° anniversario dalla nascita del giardiniere del Re, la reggia di Versailles ha voluto riaffermare il proprio rispetto per l’ambiente e l’impegno nella promozione dello sviluppo sostenibile.
Per muoversi e sorvegliare i 43 km di viali all’interno dei giardini, per preservare i 350mila alberi presenti nella tenuta e per piantare i 300mila fiori si è resa necessaria un’opportuna soluzione di mobilità: solo i veicoli 100% elettrici assicurano l’assenza di rumore all’interno dei viali e l’assoluto rispetto dei visitatori.
E’ per tale ragione che Renault e la reggia di Versailles hanno deciso di sviluppare un rapporto di collaborazione, che consenta di tutelare il patrimonio ambientale dei giardini, il comfort e la sicurezza dei 12 milioni di visitatori l’anno.  
23 veicoli Renault Z.E. a zero emissioni forniscono risposta alle esigenze delle diverse attività svolte all’interno della tenuta di Versailles: 3 ZOE sono adoperate per i viaggi di servizio e per assicurare il collegamento tra le aree pubbliche di Versailles e Marly, 10 Kangoo Z.E. nella versione Maxi vetrata o nella versione doppia cabina sono impiegate dai giardinieri e dal personale di restauro, che trasporta pezzi pregiati, statue, piante ed utensili: allo stesso tempo, gli agenti di sicurezza adottano 10 Twizy, la cui agilità risulta particolarmente idonea per le azioni rapide e per l’accesso ai viali ristretti.  
Una trentina di colonnine elettriche di ricarica sono state accuratamente installate sul suolo pubblico di Versailles ed impiantate nel rispetto dell’integrità architettonica dei luoghi, in particolare degli ingressi alle Grandi Scuderie, dei luoghi di Trianon, di quelli di Marly, e dei giardini dell’Orangerie.
E i più curiosi possono scoprire una Twizy un po’ speciale: la “Twizy carrozza”, che riprende le decorazioni della carrozza ribattezzata “Il Delfino”, dal nome del futuro Re Luigi XVII.

Categorie: Mobilità

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: