Agli italiani piace l'auto elettrica, ma il mercato non parte

Pubblicato il: 30/05/2012
Autore: Redazione GreenCity

Secondo il III Osservatorio Deloitte dell'Auto Elettrica gli automobilisti italiani guardano con interesse ai veicoli elettrici ma in realtà si tratta di un mercato di estrema nicchia.

Secondo il III Osservatorio Deloitte dell'Auto Elettrica gli italiani si dicono interessati alle auto elettriche e più della metà sarebbero interessati a prenderne in considerazione l'acquisto consentendo, oltre ad un risparmio di circa l' 85% dei costi di alimentazione (su un utilizzo di circa 10.000 Km annui) un miglioramento della qualità del'aria. Infatti si stima che sostituendo 100 mila veicoli a combustione con altrettanti mezzi elettrici si riduca dal 70% al 90% l'anno il particolato e di circa 350/400 tonnellate il monossido di azoto.
Ma questi numeri si scontrano con le evidenze dei dati di vendita. Nel 2011 infatti si sono vendute nel nostro Paese meno di 300 auto elettriche su un totale di circa 1.750.000 immatricolazioni.
"Nei prossimi anni il mercato potenziale di auto elettriche in Italia potrà essere di circa 30-35 mila vendute in un anno - ha affermato Marco Martina, partner di Deloitte ed esperto del settore automotive -. Per questo siamo davanti ad una grande opportunità che può portare benefici all'intero sistema Paese sia in termini economici, sia di qualità di vita e di mobilità intelligente".
Lo studio Deloitte ha messo in luce come le aspettative degli italiani nei confronti dell'auto elettrica siano elevate. In particolar modo una delle tendenze che è emersa in maniera chiara dalla ricerca è che per gli italiani l'auto elettrica non deve essere un veicolo "addizionale" o "da città" ma deve rappresentare un'alternativa all'auto tradizionale con un elevato rapporto qualità e prezzo
Un elemento che da sempre è presente nei dibattiti sulla penetrazione dei veicoli elettrici è il trade off tra strutture di ricarica, autonomia delle batterie e diffusione delle vetture alimentate ad energia.
Dal III Osservatorio Deloitte emerge come le strutture di ricarica sono sì importanti, ma comunque secondarie rispetto all'autonomia del veicolo. Ad oggi infatti solo il 32% degli automobilisti italiani accetterebbe un'autonomia inferiore ai 160 km, rispetto al comportamento degli automobilisti di Brasile, India e Giappone che si aggira intorno al 45%. 
In realtà, analizzando il comportamento medio degli automobilisti europei, si scopre che il 90% degli europei non percorre più di 60 km al giorno e, quindi, l'autonomia compresa tra i 100 Km e i 200 Km che la tecnologia di oggi consente, sarebbe sufficiente a colmare le esigenze della maggior parte dei cittadini europei.
Se da un punto di vista statistico la tecnologia di oggi sarebbe quindi in grado di soddisfare i fabbisogni di un ampio numero di automobilisti, è pur vero che i tempi di ricarica costituiscono ancora una barriera importante d'acquisto. Dalla ricerca emerge infatti che quasi il 70% degli italiani prenderebbe in considerazione l'acquisto di un veicolo elettrico con un tempo di ricarica completa della batteria inferiore alle 2 ore
Sempre parlando di ricarica, risulta fondamentale agevolare – come proprio sta facendo il Governo in questi giorni – la diffusione dell'installazione nelle aree pubbliche di colonnine a cura delle società distributrici di energia e, sul versante privato, il diritto di collocare punti di ricarica nei parcheggi condominiali al fine di creare una rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli che consenta un importante sviluppo della mobilità sostenibile.
Ultimo, ma sicuramente non meno importante, è l'aspetto del prezzo. La maggioranza degli automobilisti italiani sarebbero disposti a spendere un massimo di 15.000 euro per l'acquisto di un veicolo elettrico unitamente ad una serie di incentivi.
Il modello a cui ambire è quello della Norvegia: zero Iva, zero bollo, parcheggi gratuiti, esenzioni dei pedaggi, accesso alle corsie preferenziali e oltre 3.500 punti di ricarica pubblici (molti dei quali gratuiti).
In Italia, come accennavamo in precedenza, inizia a muoversi qualcosa. In questi giorni infatti un testo unificato sull'auto elettrica adottato dalle commissioni Trasporti e Attività Produttive della Camera e prevede un bonus fino a 5mila euro per chi compra un'auto elettrica, un piano infrastrutturale per la ricarica nonché tariffe elettriche "promozionali" nella fase di start up del mercato.
Il testo prevede uno stanziamento di 420 milioni in tre anni a partire dal 2013 proprio per sviluppare la mobilità sostenibile anche nel nostro Paese.

Categorie: Mobilità

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: