Londra 2012: GE Energy installa 120 colonnine per ricarica veicoli elettrici

Pubblicato il: 28/05/2012
Autore: Redazione GreenCity

Le stazioni di ricarica Durastation di GE e le 200 auto elettriche a disposizione per gli spostamenti di atleti e dirigenti durante i Giochi contribuiranno a rendere pulita l'aria della città.

Con l'obiettivo di rendere le Olimpiadi di Londra le più ecosostenibili della storia, GE Energy Industrial Solutions ha dato il via ai lavori per l'installazione di 120 stazioni di ricarica per auto elettriche.
Al termine della manifestazione olimpica le stazioni di ricarica DuraStation potranno essere utilizzate dagli automobilisti inglesi ed entreranno a far parte della rete Source London, la più grande del Regno Unito  e che nel 2013 conterà 1.300 stazioni.

londra-2012-ge-energy-installa-120-colonnine-per-r-1.jpg

"Ritengo – ha affermato il sindaco di Londra, Boris Johnson - che incoraggiare la diffusione e l'uso delle auto elettriche, sostenendo lo sport, rappresenti un modo efficace per raggiungere l'obiettivo". La mobilità sostenibile rientra nell'impegno del sindaco di fare di Londra la capitale europea dei veicoli elettrici, allo scopo di garantire un'aria più respirabile e ridurre le emissioni di CO2.

londra-2012-ge-energy-installa-120-colonnine-per-r-2.jpg

Gareth Wynn, Programme Director di EDF per Londra 2012 ha dichiarato: "Si tratta della più grande rete pubblica di stazioni per la ricarica di auto elettriche mai installata in Gran Bretagna. La soluzione innovativa, ideata da GE, in grado di ricaricare sino a 30 veicoli simultaneamente, consente non soltanto di garantire la ricarica all'intero parco auto dei Giochi Olimpici, ma costituirà una preziosa opportunità per verificare la possibilità di utilizzo delle auto elettriche su vasta scala e rappresenta un  significativo passo in avanti per rendere questa tipologia di veicoli a bassa emissione una valida alternativa rispetto ai tradizionali motori a combustione".

Categorie: Mobilità

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: