Jurassic Park al Cratere degli Astroni

Pubblicato il: 02/03/2017
Autore: Redazione GreenCity

Al via da sabato 4 marzo la mostra "Dinosauri in carne e ossa" nell'Oasi WWF di Napoli.

Dinosauri in un'Oasi WWF? Da oggi è possibile, grazie alla mostra che si apre sabato 4 marzo fino al 5 novembre nell'Oasi e Riserva naturale del Cratere degli Astroni, a Napoli, che avrà per filo conduttore il tema dell'estinzione delle specie attraverso lo slogan "Puoi sopravvivere a un'estinzione di massa?". 
Il Cratere degli Astroni, a soli 5 km da Napoli, ben più vicino a noi nello spazio e nel tempo, non è un cratere da impatto come quello del famoso meteorite che 66 milioni di anni fa si abbatté sul nostro pianeta provocando la quinta estinzione di massa, e dunque la scomparsa dei dinosauri, bensì la caldera di un vulcano spento. Ciò nonostante, vederlo popolato dai “Dinosauri in Carne e Ossa” sarà un’esperienza di sicura suggestione. Una sorta di Jurassic Park, in terra flegrea.
La mostra, al di là del valore simbolico e spettacolare, tratta con particolare evidenza il tema dell’estinzione delle specie. Fenomeno quello dell’estinzione che se causato da fenomeni naturali, è una concatenazione di eventi spontanei che favoriscono nuove opportunità all’evoluzione della vita sul nostro pianeta. Se invece è la conseguenza degli interventi irresponsabili  e innaturali di una sola specie dominante, quella umana, sui delicati equilibri della biosfera, può provocare una nuova e drammatica sesta estinzione, del resto già in atto.
È la mostra itinerante a tema preistorico che ha già riscosso grande e sempre crescente successo di pubblico in altre parti d’Italia. Ne sono protagonisti i giganteschi dinosauri dominatori dell'Era Mesozoica, come il Tirannosauro e il Diplodoco, e tante altre specie vissute in un arco di tempo di 400 milioni di anni, dal Paleozoico fino ai giorni nostri: alcune altrettanto iconiche, come il Mammut e l'Uomo di Neanderthal, simboli dell'era glaciale, altre più piccole o meno note, ma non per questo meno evocative di Mondi primordiali oggi scomparsi.
Creata da un team interamente italiano con la consulenza di paleontologi professionisti in tutte le fasi di realizzazione, la mostra, attraverso l'impatto emozionale di un allestimento spettacolare, trasmette contenuti aggiornati ai continui progressi della ricerca nel settore. La formula di cultura-intrattenimento adottata vuole coinvolgere il pubblico e avvicinarlo all'ambiente degli addetti ai lavori, sottolineando il contributo degli scienziati e degli artisti all'affascinante lavoro di ricostruzione della Storia della Vita a partire dallo studio delle testimonianze fossili.
Promotori e organizzatori dell'esposizione sono l'Associazione Paleontologica A.P.P.I., GeoModel, WWF Oasi.

Categorie: Green Life

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: