L’Alveare che dice Sì!: in un anno aperti 113 alveari e coinvolti oltre 20 mila consumatori

Pubblicato il: 06/12/2016
Autore: Redazione GreenCity

Ad essere iscritti alla piattaforma sono 20.173 utenti e ogni mese vengono effettuati più di 2.500 ordini che permettono di valorizzare il mercato locale e a Km0.

Oltre 100 Alveari presenti su tutto il territorio nazionale, 16 regioni coinvolte, più di 20 mila utenti registrati: questi i numeri con cui festeggia il suo primo compleanno L'Alveare che dice Sì!, la startup che ha creato un nuovo modo per vendere e comprare i prodotti locali utilizzando il web. 
Fondata il 4 dicembre 2015 presso i locali dell'Incubatore I3P del Politecnico di Torino, L'Alveare che dice Sì! unisce tecnologia e sharing economy per permettere una distribuzione efficiente dei prodotti locali tra agricoltori e consumatori.
Sono 113 gli Alveari in Italia, con la concentrazione più alta in Lombardia (32 Alveari, di cui 9 soltanto a Milano) che si dimostra la regione più attenta a valorizzare e a promuovere i prodotti a Km0.Seguono Piemonte (24 Alveari, di cui 9 a Torino), Lazio (18, di cui 11 a Roma), Emilia Romagna (7), Veneto (7), Toscana (4), Puglia (4). Le Isole, Sardegna e Sicilia, contano 3 Alveari ciascuna, mentre Calabria e Liguria sono a 2. Umbria, Abruzzo, Marche e Trentino-Alto Adige hanno invece appena approcciato lo spirito de L'Alveare che dice Sì! e hanno visto sorgere negli ultimi mesi il loro primo Alveare.
In un solo anno, L'Alveare che dice Sì! ha coinvolto 20.173 utenti che si sono registrati alla piattaforma per vendere o comprare i prodotti a Km0: i produttori che partecipano al progetto sono 392, mentre il numero di consumatori che ha scelto di sostenerlo è pari a 19.781.
Ogni mese, tramite la piattaforma www.alvearechedicesi.it, vengono effettuati mediamente 2.532 ordini, il che permette ai produttori che aderiscono a L'Alveare che dice Sì! di vendere oltre 80.000 € di prodotti a filiera corta.
"In un anno abbiamo percorso tanti chilometri con l'obiettivo di promuovere le realtà sociali, culinarie ed imprenditoriali delle diverse realtà locali e sviluppare una rete che metta al centro il valore, la sostenibilità e la genuinità dei prodotti a Km0", spiega Eugenio Sapora, founder de L'Alveare che dice Sì!. "Un successo costruito passo dopo passo anche con il primo tour de L'Alveare che dice Sì! che, con il supporto di Seeds&Chips, ci ha portato in giro per l'Italia a conoscere i produttori e a promuovere l'innovazione e il buon cibo in 6 città (Torino, Milano, Bologna, Roma, Napoli e Bari)". 
Ma cosa sono effettivamente gli Alveari? Sono dei Gruppi di Acquisto 2.0 che permettono ai produttori locali presenti nel raggio di 250 km di unirsi e mettere in vendita online frutta, verdura, latticini, formaggi e molto altro, tutto a filiera corta. I consumatori che si registrano sul sito posso acquistare ciò che desiderano presso l'Alveare più vicino. Il ritiro dei prodotti avviene settimanalmente nel giorno della distribuzione organizzata dal gestore dell'Alveare, cioè colui che ha preso l'impegno di tenere il contatto con gli agricoltori: l'incontro tra agricoltori e consumatori può avvenire in luoghi diversi, dal bar al ristorante. L'intento è quello di permettere a produttori e consumatori di incontrarsi, semplificando la distribuzione di alimenti freschi, locali e di qualità, rivalutando il cibo e il suo ruolo nella promozione di uno stile di vita sano. Il tutto risulta ancora più facile ed immediato grazie all'applicazione gratuita per smartphone sviluppata dalla startup: l'app utilizza il sistema di geolocalizzazione per permettere agli utenti di vedere sulla mappa gli Alveari più vicini e permette di acquistare dai contadini e di ricevere aggiornamenti in tempo reale sull'apertura e la chiusura delle vendite del proprio Alveare. 

Categorie: Green Life

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: