Vini sostenibili: DNV GL rilascia attestati V.I.V.A a importanti cantine italiane

Pubblicato il: 12/04/2016
Autore: Redazione GreenCity

Etichette di sostenibilità alla friulana Principi di Porcia e alla modenese Settecani.

Francesco La Camera - Direttore Generale del Ministero dell'Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare - e Nicola Privato - Direttore Generale di DNV GL- Business Assurance in Italia - sono intervenuti a Vinitaly per rilasciare gli attestati V.I.V.A. ad alcune importanti cantine italiane che si sono conquistate l'ambita etichetta di sostenibilità: la friulana Principi di Porcia, rinomata soprattutto per la propria produzione di vini Pinot Grigio, e la modesene Cantina Settecani, eccellenza per il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Dop.
V.I.V.A. è il progetto del Ministero dell'Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare per la misurazione delle performance di sostenibilità nel settore vitivinicolo. Per ciascun elemento rilevante per lo svolgimento dell'attività - ARIA, ACQUA, VIGNETO E TERRITORIO - V.I.V.A. prevede un disciplinare tecnico che definisce metodologie di monitoraggio, sistemi di controllo e valori essenziali per operare in un'ottica di sostenibilità.
Le aziende in linea con quanto previsto dal disciplinare ottengono - dopo verifica di terza parte - la possibilità di fregiarsi dell'etichetta V.I.V.A. che, posizionata direttamente sulla bottiglia, informa i consumatori che quello che si apprestano a stappare è un "vino sostenibile".
Il progetto V.I.V.A. (Valutazione dell'Impatto della Vitivinicoltura sull'Ambiente) è stato sviluppato dal Ministero in collaborazione con un pool di importanti enti di ricerca (Agroinnova dell'Università di Torino, il Centro Opera per l'agricoltura sostenibile dell'Università Cattolica di Milano e il Centro di ricerca sulle biomasse dell'Università di Perugia) e con il supporto dell'ente di certificazione DNV GL.

Categorie: Green Life

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: