Arriva in libreria il libro che ci spiega dove vanno a finire i nostri rifiuti

Pubblicato il: 02/02/2016
Autore: Redazione GreenCity

Il libro "Dove vanno a finire i nostri rifiuti?" fa parte della collana Chiavi di lettura (Zanichelli) a cura di Lisa Vozza.

Quanti rifiuti produciamo in un giorno? Circa un chilo e mezzo. E dove vanno a finire? Lo spiegano Mario Grosso, Maria Chiara Montani nel libro “DOVE VANNO A FINIRE I NOSTRI RIFIUTI?”
Un tempo c’era solo la discarica. Oggi la filiera dei rifiuti parte prima e a volte, dopo la raccolta differenziata, con i trattamenti biologici dell’umido, l’estrazione di ulteriori materiali riciclabili e il recupero dell’energia nei termovalorizzatori, in discarica non ci si arriva proprio. Ma i problemi non mancano certo: in Italia solo il 40% dei rifiuti è raccolto per via differenziata. E il numero delle discariche abusive è maggiore di quelle controllate: secondo dati del 2013 le abusive sono stimate in 218 contro le 200 regolari. Oltre il 10% dei siti abusivi si trova in Sicilia.

grosso-montani-copertina-big.jpg
Per capire cosa succede ai nostri rifiuti, partiamo dai problemi quotidiani di una famiglia che potrebbe essere la nostra: “dove butto la carta di un cioccolatino, che dentro ha del metallo?” e arriveremo a una panoramica su tutto il ciclo dei rifiuti: termovalorizzatore, discarica, fino al problema delle scorie radioattive. Ciò che buttiamo cambia nel tempo e non solo in quantità.
Basta pensare agli scarti dell’elettronica, inesistenti fino a poco fa. Il miglior rifiuto è quello che non si produce, ma arriveremo mai a rifiuti zero? Forse no, ma possiamo prevenire la produzione di scarti con il design ecologico e l’aiuto della tecnologia. E ci sono miti da sfatare. Ad esempio quello che la plastica va sempre riciclata. Dipende dalla sua “qualità”. Oppure: coi termovalorizzatori elimineremo le discariche? No ma ne serviranno di meno dato che un termovalorizzatore permette di ridurre il volume dei rifiuti residui del 90%.

Categorie: Green Life

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: