Social Housing: 1 alloggio su 2 è ad alto consumo energetico (classi E, F, G)

Pubblicato il: 22/02/2017
Autore: Redazione GreenCity

Officinæ Verdi Group in JV con Manni Group – ha annunciato GMH4.0, un nuovo modulo in sviluppo per il green social housing in Italia e all'estero, con strutture in acciaio "reticolare", materiali di isolamento eco-sostenibili, sistemi energetici di autoproduzione green intelligenti (IoT), per ridurre 30% su costi di costruzione, 70% su tempi realizzazione, e risparmiare del 50% su consumi energia ed emissioni di CO2.

In Italia oltre la metà del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, circa 500.000 alloggi, è classificato ad elevato consumo energetico (classi E, F e G): per questo motivo le famiglie che vi abitano spendono oltre il 10% del loro reddito per elettricità e gas, a causa della bassa efficienza e di uno dei costi energetici tra i più alti d'Europa (+17% rispetto alla media degli altri Paesi). Sono alcuni dei dati elaborati da Officinæ Verdi Group (Joint Venture di Unicredit e WWF, prima realtà nel suo genere in Europa che coniuga tecnologie, finanza e ambiente) in occasione della Giornata Nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili e che fotografano la delicata situazione del social housing nel nostro Paese.
"Con GMH4.0, sviluppato insieme al Gruppo Manni leader mondiale nelle strutture in acciaio e nell'isolamento,  annunciamo l'entrata sul mercato da luglio nel settore del Green Social Housing. Si tratta di un modello costruttivo nuovo, con struttura in acciaio "reticolare" formata a freddo, materiali isolanti eco-sostenibili, che integra sistemi energetici di autoproduzione e IoT" - ha commentato Giovanni M. Tordi CEO OV Group – Riteniamo questa una rivoluzione, non solo per il settore in Italia ma anche all'estero. Un nuovo modo di pensare al futuro dell'housing, che punta su sostenibilità dei materiali, sull'efficienza nei  costi realizzativi e di gestione energetica". 
"GMH4.0 integra il know-how di Manni Group nelle soluzioni di isolamento e nella prefabbricazione delle strutture in acciaio, materiale flessibile e completamente riciclabile, con i sistemi da fonti rinnovabili e le soluzioni ad alta efficienza energetica di Officinae Verdi"  sottolinea Enrico Frizzera, CEO di Manni Group. "Puntiamo allo sviluppo di soluzioni innovative e versatili per rispondere alle esigenze del mercato internazionale e offrire un nuovo modello di Green Social Housing, in grado di adattarsi alle più varie esigenze costruttive e condizioni climatiche". 
Se si pensa che in Europa gli edifici assorbono il 40% dei consumi energetici finali e che il 75% degli immobili sono stati costruiti senza alcun criterio di efficienza, ci si rende facilmente conto che la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio rappresenta una sfida fondamentale per raggiungere gli obiettivi europei che ci siamo posti.Secondo le ultime stime Federcasa, inoltre, sarebbero addirittura 700mila le famiglie che avrebbero bisogno di una casa in edilizia residenziale pubblica, a fronte delle 500mila attualmente allocate (2/3 dunque di chi ne ha veramente bisogno). Per oltre 1,7 milioni di cittadini il canone di affitto incide per più del 30% sul reddito (il 41,8% del totale) e quindi rischiano di scivolare verso situazioni di morosità. La sfida è, dunque: realizzare case con materiali innovativi sostenibili, integrando autoproduzione di energia verde intelligente.

Categorie: Casa

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: