G7 Ambiente: primo forum su economia circolare a Bologna il 7 giugno 2017

Pubblicato il: 25/05/2017
Autore: Redazione GreenCity

Quattro le parole chiave: materiali, rete, green jobs, comunicazione.

Si terrà a Bologna il 7 giugno prossimo il primo Forum Nazionale sull'economia circolare, che anticipa il G7 Ambiente.
Promosso dalla Città Metropolitana di Bologna e da Edizioni Ambiente, in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, il Comune di Bologna e SprecoZero.net, l'evento porta il patrocinio dell'Università di Bologna e del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e vedrà la partecipazione del Ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti, che chiuderà la mattinata.
Dopo gli interventi istituzionali del Vicesindaco della Città Metropolitana di Bologna Daniele Manca e del Vice Presidente della Regione Emilia Romagna Elisabetta Gualmini, l'economista inglese Kate Raworth, secondo The Guardian tra i primi 10 economisti più influenti al mondo, aprirà i lavori illustrando la sua "Teoria della ciambella", una visione di economia circolare come nuova bussola per guidare lo sviluppo globale, la politica dei governi, le strategie aziendali in chiave sostenibile. 
Nella sessione "Da Rifiuto a Materia, da Prodotto a Servizio", moderata dalla giornalista Silvia Zamboni, ci saranno le testimonianze di Giancarlo Morandi di Cobat,
Giovanni Corbetta di Ecopneus,
Alessandro Massalin di Officina dell'Ambiente e Tommaso Campanile di Conoe. Capiremo come i rifiuti siano da considerare le nostre miniere di domani: dagli imballaggi usati, dai residui agricoli e industriali, dai biorifiuti domestici, dalle macerie da demolizione, saremo in grado di trarre gran parte delle materie che servono all'economia
e che oggi estraiamo ancora dalla Terra. 
Nel panel "La nuova occupazione: ruoli e professioni", moderato dal giornalista Marco Gisotti, ci saranno i contributi di Fabio Fava dell'Università di Bologna, Franco Fassio dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Stefano Mazzetti di SprecoZero.Net, Giuseppe D'Ercole di CISL Ambiente e Serena Rugiero di CGIL Ambiente.
I cosiddetti Green Job si dimostrano il settore più dinamico del mondo del lavoro: quali competenze e capacità sono richieste per operare nella circular economy? Come si modificano o si ibridano i profili professionali "tradizionali"? Come si sta affrontando la formazione di questi operatori? Il pomeriggio sarà aperto da Luca Mercalli, metereologo, climatologo, divulgatore scientifico e conduttore televisivo.
Si passerà dunque allo Sviluppo "smart": ovvero al passaggio da economia verticale a economia di rete, dove il business di successo si basa su un diverso rapporto tra economia e territorio, su reti di impresa, reti di distribuzione, reti di generazione di energia, reti di marketing e di comunicazione. La sessione, moderata da Emanuele Bompan, vede gli interventi di Catia Bastioli di Novamont, Andrea Segrè di Last Minute Market – FICO, Alessandro Russo di Cap Holding, Lucio Cavazzoni di Alce Nero e Giuseppina Gualtieri di TPER.  Ultima sessione quella dal titolo "Comunicare l'innovazione, fare integrazione", moderata da Pierluigi Masini, Giornalista e Direttore progetti editoriali di Quotidiano Nazionale, con gli interventi di Paola Gazzolo, Assessore Ambiente Regione Emilia Romagna, diEnrico Fontana, Direttore di La Nuova Ecologia, di Patrizia Cecchi, Direttore Fiere Italia IEG Expo e di Marco Palmieri, AD di Piquadro. Le conclusioni saranno affidate ad Alessandro Bratti, Presidente Commissione bicamerale d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati. 
Il programma completo del Forum è disponibile a questo link.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: