COP22, il contributo al clima di Lifegate: - 160000 tonnellate di Co2

Pubblicato il: 09/11/2016
Autore: Redazione GreenCity

La community di LifeGate ha permesso di compensare, in sedici anni, 160.000 tonnellate di CO2 e la tutela di oltre 5 mln di mq di foresta amazzonica: la sostenibilità è un impegno da condividere.

LifeGate, punto di riferimento in Italia per lo sviluppo sostenibile di persone e imprese, ha deciso di festeggiare l’approvazione dell’Accordo di Parigi quantificando il suo contributo alla lotta contro l’aumento delle temperature globali. Dalla sua fondazione nel 2000, grazie alla sua community e al supporto delle aziende partner, LifeGate è riuscita a compensare ben 160 mila tonnellate di CO2 e ad avviare la tutela di oltre 5.600.000 mq di foresta amazzonica.
“Non avremmo mai potuto raggiungere questi risultati senza le tante persone e aziende che hanno aderito e sostenuto i nostri progetti”, afferma Enea Roveda, CEO di LifeGate. “Per incidere veramente sul futuro del nostro Pianeta, dobbiamo agire tutti insieme e dobbiamo farlo ora, perché il tempo per agire sta scadendo”.
Questi numeri, infatti, confermano la convinzione di LifeGate: è solo con una collaborazione e una presa di coscienza a livello globale che si potrà diffondere uno stile di vita sostenibile e raggiungere gli obiettivi della COP 21 e, in particolare, il contenimento dell’aumento della temperatura media globale.  Bisogna riuscire, nei prossimi anni, a non superare il tetto dei 2 gradi centigradi e il modo più efficace è ridurre le emissioni di CO2 il prima possibile.
Proprio per questo, in questi anni LifeGate ha concentrato i suoi sforzi nella protezione delle foreste esistenti e nell’aumento della loro estensione. Gli alberi, infatti, hanno una capacità di assorbire una quantità media di CO2 pari a 46 kg l’anno, con cifre ben più favorevoli in zone equatoriali. 

Di seguito una sintesi dei progetti di LifeGate a difesa del clima:

Impatto Zero
http://www.lifegate.it/imprese/progetti/impatto-zero-imprese
Il primo progetto in Italia per il calcolo, la riduzione e la compensazione delle emissioni di CO2 è stato Impatto Zero. Concretamente, grazie alle 8.000 aziende che hanno condiviso questo impegno, Impatto Zero oggi tutela 70 milioni di metri quadrati di nuova foresta creata o tutelata, in Italia, Costa Rica, Madagascar, Panama, Nuova Zelanda e Bolivia. Grazie ai 500 milioni di prodotti marchiati Impatto Zero, LifeGate ha compensato oltre 160mila tonnellate di CO2.

Foreste in Piedi
http://www.lifegate.it/persone/iniziative/lifegate-trees/foreste-in-piedi

Foreste in piedi, il progetto di LifeGate, Icei e Avive per salvaguardare la foresta amazzonica in Brasile, tutela 5.600.000 metri quadrati di verde in Brasile. L’iniziativa si è aggiunta di un nuovo strumento: One Like One Forest, una campagna per contribuire alla salvaguardia della foresta amazzonica in prima persona con l’utilizzo dei social. Ogni nuovo “Mi piace” sulla pagina Facebook di LifeGate o sulle pagine Facebook che hanno aderito, ha contribuito alla tutela di un metro quadrato di Amazzonia grazie a Foreste in piedi. Tra tutte le pagine Facebook e i siti aderenti, abbiamo superato 1.250.000 metri quadrati.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: