Ambiente: nasce piattaforma conoscenze, online le migliori pratiche

Pubblicato il: 14/06/2016
Autore: Redazione GreenCity

Nuovo portale ministero raggruppa progetti innovativi in campo ambientale e climatico. Galletti: “Hub per valorizzare ed esportare innovazione verde”.

Soluzioni innovative sull’approccio ai cambiamenti climatici, per la gestione dei rifiuti, la tutela della biodiversità e del bene acqua. E ancora, per l’ambiente urbano, l’energia, il suolo e l’uso efficiente delle risorse.
E' in rete la Piattaforma delle Conoscenze – Buone pratiche per l’ambiente e il clima (www.pdc.minambiente.it), in cui sarà semplice conoscere e acquisire le buone pratiche per l’ambiente già sperimentate nelle città italiane attraverso i numerosi progetti finanziati in campo ambientale.Il portale - realizzato dalla Direzione generale per lo Sviluppo sostenibile, il danno ambientale e per i rapporti con l’Unione europea e gli organismi internazionali (SVI) del Ministero dell’Ambiente e  collegato al sito www.minambiente.it - non è una semplice vetrina di best practices, ma un repertorio cui attingere per l’utilizzo di soluzioni già testate e rapidamente utilizzabili.
I progetti, corredati di schede tecniche e forniti di linee guida, verranno raggruppati in 8 settori tematici. Gli utenti potranno effettuare ricerche nel database attraverso parole chiave per temi, area geografica, programma e anno di riferimento. Uno strumento dunque diknowledge management, che punta a valorizzare le tante esperienze virtuose realizzate in Italia, informando e coinvolgendo i soggetti istituzionali, gli operatori del territorio e gli stakeholder pubblici e privati. Una guida utile per chi, a diverso titolo, progetta nuovi interventi improntati alla sostenibilità ambientale, suggerendo gli strumenti finanziari disponibili.
“La Piattaforma delle Conoscenze – afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – vuole essere un hub di esperienze e di innovazione in campo ambientale. Dobbiamo fare in modo che le migliori idee ‘green’ non restino esempi sparsi sul territorio o singoli casi di scuola, ma siano estesi su tutto il territorio nazionale e rappresentino anche oltre i nostri confini la capacità italiana di innovare puntando sul valore dell’ambiente”.
Entro la fine del 2016 la Piattaforma, che sbarcherà anche sui social network con campagne di comunicazione ad hoc, conterrà 200 buone pratiche, un numero destinato a crescere con l’acquisizione dei progetti che verranno man mano conclusi, fino ad arrivare ad almeno 450 best practices entro la fine dell’attuale periodo di programmazione 2014-2020.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: