Trivelle, Confesercenti: “Sbagliato il no ad Election day, tutela del mare è priorità anche per economia”

Pubblicato il: 15/02/2016
Autore: Redazione GreenCity

Claudio Albonetti, Presidente di Assoturismo Confesercenti: "L’economia del mare e del turismo è essenziale per il futuro dell’Italia e per lo sviluppo turistico ed economico dei territori".

“Fissare il referendum No Triv al 17 aprile, impedendo quindi l’Election day, avrà un doppio effetto negativo: da un lato renderà più difficile raggiungere il quorum, mentre dall’altro gli organizzatori della campagna referendaria avranno meno tempo per sensibilizzare i cittadini su un tema così importante e complesso. Un esito che probabilmente farà piacere a chi si oppone al quesito referendario, ma che porterà – tra le altre cose – anche a sprecare risorse pubbliche per allestire una consultazione separata. Risorse pubbliche che avremmo potuto utilizzare in maniera decisamente più produttiva”.
Ad affermarlo è Claudio Albonetti, Presidente di Assoturismo Confesercenti, commentando la decisione del Consiglio dei ministri di fissare per il giorno 17 aprile la data per il referendum abrogativo della proroga delle concessioni relative allo sfruttamento di giacimenti sottomarini di idrocarburi entro le dodici miglia dalla costa.
“La protesta delle Regioni è quindi più che motivata. L’economia del mare e del turismo è essenziale per il futuro dell’Italia e per lo sviluppo turistico ed economico dei territori. Per questo, come Assoturismo, ribadiamo di essere assolutamente contrari allo sfruttamento indiscriminato dei nostri fondali: il mare è una risorsa da tutelare per il bene di tutti, ed è una priorità non solo ambientale, ma anche economica, come abbiamo avuto modo di sottolineare già più volte. Assoturismo e Confesercenti continueranno dunque a impegnarsi nella campagna referendaria sostenendo il voto No Triv”.

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: