Galletti firma la Carta di Cortina: "Sia anche regina sostenibilità"

Pubblicato il: 25/01/2016
Autore: Redazione GreenCity

Siglato il documento per garantire la sostenibilità, la sicurezza e la qualità degli sport invernali, 12 punti di intervento.

Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha firmato questa mattina la Carta di Cortina sulla sostenibilità degli sport invernali: un documento con cui la nota località delle Dolomiti si impegna nella sostenibilità e nella riduzione dell'impatto ambientale degli sport invernali, in vista dell'assegnazione dei Mondiali 2021.
"Oggi – afferma il Ministro Galletti – comincia un percorso comune importante verso i Mondiali del 2021, ma che va oltre quel traguardo, perché vuole portare Cortina ad essere un'eccellenza in campo ambientale. Nella Carta abbiamo identificato 12 punti forti per vincere la sfida del turismo ambientale, ed è indispensabile che venga tradotta velocemente in azioni: abbiamo un brand vincente, un forte coinvolgimento che va dagli amministratori ai cittadini, un'attrattiva naturale straordinaria. La sfida è alta: non solo Regina delle Dolomiti, Cortina deve essere anche Regina della Sostenibilità».
Assieme al ministro Galletti hanno sottoscritto la Carta di Cortina il Sindaco di Cortina d’Ampezzo Andrea Franceschi, l’Assessore Regionale al Territorio Cristiano Corazzari, Il presidente FISI Flavio Roda, Enrico Ghezze Consigliere Delegato ANEF, Andrea Segrè, fondatore di Last Minute Market e Presidente del Comitato per lo sviluppo del Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti del Ministero dell’Ambiente, Claudio Pedrotti, Presidente della provincia di Pordenone per Fondazione Dolomiti UNESCO e Veronica Nicotra, Segretario Generale ANCI. Anche Giovanni Malagò, Presidente del CONI, giunto a Cortina per la gara di discesa libera femminile, ha voluto aggiungere la sua firma alla Carta.
Obiettivo del documento è rafforzare un modello di sviluppo turistico green, fondato sull’efficienza nell’uso di risorse come acqua e suolo, sulla limitazione delle emissioni e dei costi energetici, sulla eliminazione degli sprechi e sull'educazione ambientale, a partire dalle scuole.
"Gli sport invernali - ha detto il sindaco di Cortina Andrea Franceschi -  sono un settore fondamentale per la nostra economia e per tutte le Dolomiti, ma lo sviluppo in ottica 2021 deve coincidere con il rispetto di questo straordinario contesto ambientale e paesaggistico come le Dolomiti Patrimonio dell’Umanità.  Sarà fondamentale coinvolgere istituzioni, comunità locali e soprattutto le scuole e, contestualmente, incentivare e facilitare le aziende".

Categorie: Ambiente

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: